Going Global - KPMG

Loading...
ADVISORY

Going Global Internazionalizzazione ed evoluzione dei modelli di business Una priorità per le imprese italiane

kpmg.com/it

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Indice

1

Introduzione

4

A new economic 'World Order'

6

Gli emergenti guidano la crescita del PIL mondiale

2

Lo spostamento della base manifatturiera ad Est

10

Il ruolo dei servizi

12

La nascita di una classe media ad alto potenziale di spesa

15

Focus Cina. Tra mercato e pianificazione

19

Evoluzione dell’export italiano

24

Made in Italy: un asset prezioso

29

Non solo BRIC: arrivano i Next Eleven

30

Nuove opportunità, ma anche nuovi rischi

32

Evoluzione dei modelli di business: la nuova CEO Agenda

34

01 Operations: nuovi approcci per gestire la complessità delle  ‘supply chain globali’

36

02 Finanza: le sfide per una gestione davvero globale

41

L'M&A: un acceleratore della crescita

44

03 ICT: una nuova cultura 'digitale' per vincere la sfida  dell'internazionalizzazione

45

04 Marketing: reinventare la relazione con il cliente

50

Un canale distributivo sottoutilizzato: l'e-commerce 05 Organizzazione e Innovazione Manageriale

3

8

Country Focus 

52 53 57

Market entry strategy

58

Focus Brasile: il futuro è adesso

60

Business country guide: • Turchia

64

• Vietnam

66

• Sudafrica

68

Come possiamo aiutarvi

70

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Introduzione La recessione del biennio 2008-2009 e la crisi finanziaria dei debiti sovrani di questi mesi, stanno accelerando la redistribuzione di potere economico e politico a livello planetario. Una svolta storica, anticipata da tendenze ormai consolidate da almeno un decennio, che sposta radicalmente il baricentro della domanda e dell’offerta a livello globale. La Cina è diventata il primo paese industriale al mondo, mentre l’India è al quinto posto. Nel decennio 2000-2010 i soli BRIC hanno aumentato la loro quota nella produzione industriale globale dal 12,8% al 30,6% (+ 17,8%). I consumatori delle economie emergenti nei prossimi anni vedranno raddoppiare la loro capacità di spesa rispetto a quelli delle economie occidentali. Se oggi esistono circa 100 milioni di cinesi benestanti, si stima che nel 2020 la Cina potrà contare su una classe media di circa 400 milioni di individui. Cambiamenti strutturali che determinano nuovi rischi, ma anche grandi opportunità. 'Rischi e opportunità' sono legati al cambiamento del portafoglio potenziale della clientela delle aziende italiane, derivante dalla crescita di nuovi e incredibili mercati di sbocco nei paesi emergenti e dalla contemporanea stagnazione dei consumi, in particolare sul mercato domestico, ma anche in tutta l’Area Euro. Le deboli prospettive di crescita del PIL per i prossimi 3-5 anni confermano che le aziende italiane per crescere dovranno conquistare quei mercati, comprendendone a fondo i bisogni e le correlate combinazioni prodotto/servizio. Sarà necessario attrezzarsi per soddisfare domande differenti rispetto a quella del mercato nazionale. Di fronte a catene del valore sempre più articolate, sarà necessario introdurre nuove ed importanti modifiche nel modello di business delle aziende italiane. Cambiamenti necessari per affrontare una complessità nuova che inciderà in modo profondo e trasversale in tutti i settori dell'impresa.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Un percorso di revisione e di messa a punto con l'obiettivo di innalzare il livello delle competenze organizzative e produttive delle imprese italiane. Le 5 aree che per KPMG saranno più impattate da questi cambiamenti sono Operations, Finanza, ICT, Marketing e Organizzazione. Innovarsi per vincere è la grande sfida delle aziende del Consumer & Industrial Markets… ma occorre partire 'qui ed ora' perché non c’è più tempo da perdere. Buona lettura.

Roberto Giovannini Partner KPMG Advisory, Consumer & Industrial Markets

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

66

Going Global

A new economic ‘World Order’

a cura dell’Ufficio Studi KPMG Advisory

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Global

7

La globalizzazione ha contributo all’affermarsi di nuovi attori sulla scena mondiale. L’ascesa delle economie emergenti segna la nascita di un nuovo ordine economico globale. Cambiano le gerarchie ed i rapporti di forza, mentre aumenta la pressione competitiva per le economie avanzate. D’altra parte le sfide legate alla crescita degli emergenti si accompagnano anche a notevoli opportunità, derivanti dall’allargamento della classe media mondiale. I paesi emergenti diventeranno sempre di più mercati di sbocco dalle enormi potenzialità.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

8

Going Global

Gli emergenti guidano la crescita del PIL mondiale Il prossimo decennio vedrà l’affermarsi di un nuovo ordine economico mondiale, dominato dai paesi emergenti

Il prossimo decennio segnerà l’affermazione di un nuovo ordine economico mondiale. Entro il 2016, infatti, il PIL dei paesi emergenti arriverà a rappresentare oltre il 41% del prodotto interno lordo mondiale. Questo incremento avverrà a scapito degli Stati Uniti e degli altri paesi di prima industrializzazione, che vedranno diminuire, rispettivamente del 2% e del 5%, l’incidenza del loro PIL sul totale mondiale. Grafico 1 Evoluzione nella composizione del PIL mondiale, a prezzi correnti 2010 23%

2016

2013

34%

43% 62.909

21%

22% 38%

41%

38%

41% 76.467

90.452

Totale PIL mondiale, miliardi US$ Economie emergenti*

Economie avanzate (senza Stati Uniti)**

Stati Uniti

Note: * Europa orientale e centrale, ex-Unione Sovietica, emergenti Asia, America Latina e Caraibi, Medio Oriente, Africa. ** Unione Europea (eccetto Bulgaria, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania e Ungheria), 'tigri' asiatiche (Hong Kong, Singapore, Taiwan, Corea del Sud), Australia, Nuova Zelanda, Giappone, Norvegia, Islanda, Canada, Israele, Svizzera. Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati FMI, 2011

Tra il 2010 e il 2015, infatti, oltre il 73% della crescita media globale (+3,3%) dipenderà dagli emerging markets. Tabella 1 Contributi medi alla crescita del PIL mondiale, a parità di potere d’acquisto (PPA) Area geografica

Anni 2000

Anni 2010-2015

Economie avanzate:

1,1%

1,2%

di cui UE

0,4%

0,4%

di cui Stati Uniti

0,4%

0,5%

Economie emergenti:

2,5%

3,3%

di cui Cina

0,9%

1,5%

Mondo

3,6%

4,5%

Fonte: elaborazioni Centro Studi Confindustria su dati FMI

Tra questi la Cina riveste un ruolo centrale con tassi di sviluppo superiori al 9% per i prossimi anni, e con un’incidenza che sarà pari al 12% del PIL mondiale nel 2015. Nei prossimi anni, la ripresa dell’economia mondiale si svilupperà, dunque, a due velocità. Da un lato, le economie avanzate con tassi di crescita modesti (intorno al 2,5%), dall’altro, le economie emergenti con livelli di sviluppo elevati.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Global

9

Grafico 2 Tassi di crescita del PIL a prezzi costanti nelle economie avanzate Tassi medi di crescita (2010-2016)

10% 8% 6%

5,0%

4% 2%

2,8%

0%

2,5%

-2%

2,4%

-4%

2,0%

-6% 2008

2009

2010

2011*

2012*

2013*

2014*

Economie avanzate

di cui ‘tigri’ asiatiche

di cui Unione Europea

di cui Stati Uniti

2015*

2016*

di cui G7

Note:* valori stimati Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati FMI, 2011

Tra le economie avanzate s’identificano, tuttavia, tendenze diverse. L’Unione Europea e il G7 raggiungeranno tassi di sviluppo esigui. Gli Stati Uniti si discosteranno leggermente, con una crescita media più alta, intorno al 2,8%. Le 'tigri' asiatiche cresceranno a una velocità doppia rispetto alla media dei paesi avanzati. Queste economie, a vocazione manifatturiera, hanno saputo sfruttare la ripresa del commercio internazionale.

Gli emergenti guideranno la crescita mondiale, con tassi di sviluppo medi del 6,7%

Grafico 3 Tassi di crescita del PIL a prezzi costanti nelle economie emergenti Tassi medi di crescita (2010-2016) 10%

8,6%

8% 6%

6,7%

4%

5,5%

2%

4,5%

0%

4,4%

-2%

3,9%

-4% -6% 2008

2009

2010

2011*

2012*

Economie emergenti di cui Africa subsahariana di cui Europa orientale e centrale

2013*

2014*

2015*

2016*

di cui emergenti Asia di cui Medio Oriente e Nord Africa di cui America Latina e Caraibi

Note:* valori stimati Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati FMI, 2011

Tra le aree geografiche, l’Asia è quella che corre di più. I paesi dell’America Latina avranno tassi di sviluppo molto interessanti intorno al 4,4%, guidati, in particolare, dal Brasile, che farà registrare una crescita media del 4,7%.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

10

Going Global

Lo spostamento della base manifatturiera ad Est L’esistenza di un nuovo ordine economico globale trova conferma anche analizzando la nuova mappa della produzione mondiale. La Cina si è imposta come primo paese produttore al mondo, superando gli Stati Uniti. Osservando l’evoluzione delle quote di mercato nella produzione è possibile notare come, in meno di dieci anni, l’ordine preesistente sia stato sovvertito, facendo emergere un nuovo sistema industriale globale, dominato dal gigante cinese. Tabella 2 La nuova mappa mondiale della produzione, quote di mercato % dei primi 15 paesi produttori mondiali in $ correnti Paesi

2000

2007

2010

8,3

14,1

21,7

Stati Uniti

24,8

18,2

15,6

Giappone

15,8

9,0

9,1

Germania

6,6

7,5

6,0

India

1,8

2,9

3,7

Corea del Sud

3,1

3,9

3,5

Italia

4,1

4,5

3,4

Brasile

2,0

2,6

3,2

Francia

4,0

3,9

3,0

Regno Unito

3,5

3,0

2,0

Russia

0,7

2,1

2,0

Spagna

2,0

2,5

1,8

Canada

2,3

2,2

1,7

Indonesia

0,8

1,1

1,6

Cina

Messico

2,3

1,9

1,6

UE 15

25,7

27,6

21,2

BRIC

12,8

21,7

30,6

Fonte: elaborazioni e stime Centro Studi Confindustria su dati Global Insight

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Global

L’Italia, nonostante l’emergere di nuove potenze globali, rimane il settimo paese manifatturiero al mondo. Le previsioni di crescita per la produzione industriale, evidenziano l’emergere di nuovi attori sulla scena globale nei prossimi anni.

11

Nonostante l'affermazione di nuove potenze globali, l'Italia rimane uno dei principali paesi industriali al mondo

Tabella 3

Previsioni tassi di crescita della produzione industriale, variazione %, primi 15 paesi Paesi

Tassi di crescita medi 2011-2014

Vietnam

15,0%

Cina

12,3%

Sri Lanka

8,4%

Bangladesh

7,9%

Slovacchia

7,9%

India

7,5%

Corea del Sud

7,0%

Polonia

6,6%

Lituania

6,6%

Romania

6,5%

Perù

6,5%

Egitto

6,3%

Bulgaria

6,2%

Turchia

6,2%

Thailandia

6,1%

Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati EIU

Tra i paesi che faranno registrare i tassi di crescita più elevati, in termini di produzione industriale, oltre alla Cina ci sono il Vietnam ma anche diversi paesi dell’Europa dell’Est come Slovacchia, Polonia, Lituania, Romania e Bulgaria. I paesi avanzati, invece, vedranno aumentare di poco il loro livello di crescita manifatturiera, con tassi medi intorno al 2-3% (l’Italia anche meno, circa l’1,6%). Lo spostamento della base manifatturiera e industriale verso i paesi emergenti offre all’Italia notevoli opportunità legate alle esportazioni di beni d’investimento, tra cui in particolare la meccanica strumentale, settore nel quale il nostro Paese ha una forte specializzazione. I mercati emergenti, infatti, necessitano di tecnologie avanzate per proseguire i processi d’innovazione e aumento della produttività attualmente in corso.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

12

Going Global

Il ruolo dei servizi L’attuale fase di sviluppo è caratterizzata dal passaggio da un modello di capitalismo manifatturiero ad un modello dei servizi o del terziario

L’attuale fase di sviluppo è caratterizzata dal passaggio da un modello di capitalismo manifatturiero ad un modello di capitalismo dei servizi o del terziario1. Si tratta di un trend ormai consolidato nelle economie occidentali mature. Nei paesi avanzati, infatti, l’incidenza della componente servizi sul PIL generato raggiunge valori compresi tra il 70% e l’80%, con picchi intorno al 93% a Hong Kong. Per contro, nei paesi emergenti, il contributo dei servizi allo sviluppo dell’economia è inferiore, con valori che vanno dal 43% della Cina, al 55% dell’India, al 67% del Brasile. Grafico 4

Il contributo del settore servizi per paese: incidenza % sul PIL, 2010 e 2014 Hong Kong

92,5%

Francia

79,7%

Regno Unito

77,5%

Stati Uniti

76,8%

Giappone

73,8%

Italia

72,8%

Germania

71,6%

Canada

71,5%

Brasile

G7

67,4%

Russia

59,1%

India

55,2%

Cina

43,0%

2010

BRIC

2014

Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati EIU

1

L’era dell’accesso. La rivoluzione della new economy, Jeremy Rifkin, Mondadori.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Global

13

Nel blocco dei paesi avanzati, le stime per i prossimi anni, indicano un ulteriore, seppur limitato, allargamento della quota dei servizi in Germania, Giappone e Stati Uniti. Nel gruppo dei BRIC sarà soprattutto l’India, seguita dalla Cina, a sperimentare una progressiva terziarizzazione dell’economia. Il ruolo dei servizi non va tuttavia separato o contrapposto al manifatturiero, ma piuttosto interpretato come la leva competitiva in grado di rinnovare il sistema industriale del nostro Paese. I prodotti dell’industria manifatturiera, ad esempio, sono sempre più venduti da aziende di servizi (finanziarie, distribuzione, etc.) Le nostre imprese dovranno cercare sempre più di governare catene del valore innovative, in cui il servizio diventa il primo fattore competitivo per l’innovazione del business. È il servizio, infatti, che può fare la differenza nella value proposition e rappresentare una barriera all’ingresso. È il processo che in termini manageriali viene descritto come 'servitization', ossia la progressiva trasformazione del prodotto in servizio. Il ruolo dei servizi può essere declinato lungo tre dimensioni, che rispecchiano diverse tipologie di offerta: • commodity • prodotti medi • prodotti ad alto valore percepito.

I servizi non come alternativa al manifatturiero ma come leva competitiva in grado di differenziare le value proposition

Queste tipologie di prodotto sono associate a specifici 'baricentri' di mercato, con comportamenti d’acquisto distintivi, che necessitano pertanto di approcci strategicoorganizzativi differenti da parte delle imprese. Figura 1

Le principali tipologie di prodotti offerti e i servizi connessi al loro sviluppo Commodity

Prodotti medi

• focus sulla dimensione commerciale/ distributiva

• focus sui servizi associati al prodotto: vendita di un prodotto in funzione dell’utilizzo o del raggiungimento di un obiettivo produttivo, customizzazione

Prodotti ad alto valore percepito • focus sulla capacità di aumentare la percezione del valore: specializzazione, personalizzazione, esclusività, innovazione

Fonte: Surpetere. La competizione creativa efficace e sostenibile, G. Merli, E. Gelosa, M. Fregonese, Edizioni Guerini

• Nell’area delle commodity, dove i prodotti sono sostanzialmente indifferenziati, il principale driver è rappresentato dal prezzo. Recuperare competitività su tali prodotti è sempre più difficile per un sistema industriale come il nostro. D'altra parte, i margini maggiori si trovano sempre di più nei mark up commerciali piuttosto che nella produzione dei prodotti stessi. La miglior leva per competere in questo segmento diventa, quindi, il presidio dei clienti, da attuare focalizzandosi sulla dimensione commerciale/ distributiva dotandosi di un’adeguata ed efficace rete di servizi a supporto. L’attenzione al pricing deve comunque essere soddisfatta tramite strategie di costo/efficienza (con eventuali delocalizzazioni produttive o semplici commercializzazioni di prodotti importati da paesi low cost).

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

14

Going Global

• Il segmento dei prodotti medi è quello maggiormente in grado di garantire, ad un paese come il nostro, consistenti volumi occupazionali e di vendita se proseguirà lungo il processo di trasformazione della propria offerta, associandola a servizi a valore aggiunto per la clientela. Il servizio associato al prodotto, può arrivare a sostituire, in un certo senso, il prodotto stesso. Innovare, nel segmento dei prodotti medi, significa creare continuamente nuove formule di prodotto-servizio in grado di generare vantaggio competitivo. Gli esempi relativi alla commercializzazione di prodotti attraverso i servizi associati sono numerosi: - nei beni d’investimento (il noleggio a ore di macchinari e mezzi di trasporto, la vendita del servizio di manufacturing invece della fornitura di impianti, la vendita di auto come ‘flotte gestite’) - nei beni di consumo (la possibilità di crearsi un prodotto personalizzato, l’esperienza associata al prodotto specie nel fashion, l’utilizzo di un bene on demand). • Infine, nell’area dei prodotti ad alto valore percepito, i fattori di successo dipendono dalla capacità di offrire prodotti luxury o di nicchia o customizzati o innovativi. La leva in questo segmento di mercato è proprio il ‘valore percepito’ dei prodotti-servizi offerti. Nel caso di beni di lusso, la percezione del valore può essere connessa al brand, oppure dipendere dalla capacità di personalizzazione e dall’offerta di servizi aggiuntivi ‘unici’, che consentono alla clientela di vivere emozioni ed esperienze esclusive. Allo stesso modo i prodotti di nicchia, siano essi beni d’investimento per specifici utilizzi (come macchinari e dispositivi) o prodotti di consumo per determinati segmenti di clientela, offrono un alto livello di specializzazione e personalizzazione. Una possibile strategia di successo per il nostro Made in Italy potrebbe essere proprio quella di penetrare un numero sempre maggiore di nicchie, ad alta specializzazione, molto differenziate e innovative.

Le imprese devono essere in grado di giocare su più tavoli, per competere su più baricentri di mercato, secondo logiche gestionali separate e ben identificate

Ognuno di questi tre scenari descritti deve essere affrontato con logiche di offering diversificate, che si rifletteranno per le aziende in differenti modelli strategici, operativi ed organizzativi. Occorre avere la capacità di giocare su più tavoli, per competere su più baricentri di mercato, secondo logiche gestionali separate e ben identificate. Le aziende italiane sono chiamate a cogliere le opportunità che derivano dalla globalizzazione e dalla competizione internazionale, puntando sulle proprie eccellenze, innovando il proprio offering con servizi a valore aggiuntivo per la clientela e cambiando, come si vedrà nel prosieguo, i propri modelli di business.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Global

La nascita di una classe media ad alto potenziale di spesa Se da un lato, l’affermarsi delle economie emergenti sulla scena mondiale scardina l’ordine economico preesistente, dall’altro, apre nuove opportunità di business. Mentre in passato le imprese che avevano delocalizzato la produzione nei paesi emergenti erano state guidate soprattutto da logiche di riduzione dei costi, ora il tema strategico è come sfruttare le opportunità di queste aree come enormi mercati di sbocco.

15

Entro il 2020 la Cina dovrebbe diventare il primo mercato del lusso globale. Intanto, in Brasile, circa 45 milioni di persone sono entrate a far parte della classe media

In queste economie risiede, infatti, oltre l’80% della popolazione mondiale e un numero di potenziali consumatori che, nei prossimi 25 anni, si stima potrà raggiungere i due miliardi. Tabella 4

Previsioni PIL pro-capite a parità di potere d’acquisto, PPA$ 2010

2016

CAGR 2010 - 2016

Economie avanzate

38.078

46.502

3,4%

di cui G7

39.707

48.018

3,2%

di cui 'tigri' asiatiche

34.294

46.927

5,4%

di cui Unione Europea

30.388

37.026

3,3%

Area geografica

Economie emergenti

6.104

9.029

6,7%

di cui Europa orientale e centrale

14.519

19.402

5,0%

di cui America Latina e Caraibi

11.236

14.618

4,5%

di cui Medio Oriente e Nord Africa

8.909

11.187

3,9%

di cui emergenti Asia

5.008

8.361

8,9%

di cui Africa subsahariana

2.258

2.943

4,5%

Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati FMI, 2011

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

16

Going Global

I consumatori delle economie emergenti vedranno aumentare il loro potere di spesa, ad un tasso di crescita doppio rispetto a quello dei paesi avanzati

Il potere di spesa, nei prossimi cinque anni, aumenterà soprattutto nei paesi emergenti: +6,7% rispetto al +3,4% delle economie avanzate. È quanto emerge, confrontando il PIL pro-capite a parità di potere d’acquisto2 delle diverse aree geografiche del mondo. La crescita più significativa interesserà, in particolare, le economie asiatiche. Gli aumenti di reddito che si registreranno nei prossimi anni nei paesi emergenti consentiranno un ampliamento della classe media di questi paesi. Tuttavia, i livelli di PIL pro-capite nei mercati emergenti rimarranno ancora inferiori rispetto alla media dei paesi avanzati. Gli esportatori italiani interessati a questi nuovi consumatori dovranno adeguare l’offerta al potere d’acquisto e alle necessità locali e puntare sulla fascia medioalta di queste società, molto interessante in termini di dimensione, data la grandezza di questi mercati. In Cina, ad esempio, la classe media è attualmente composta da circa 100 milioni di individui, che rappresentano il 7% della popolazione. Le stime prevedono che la quota di benestanti raddoppierà ogni cinque anni, arrivando a contare, nel 2020, oltre 400 milioni di individui, pari al 30% della popolazione. Grafico 5

Evoluzione della classe media cinese 500

29,8%

35% 30%

400

25% 300

20% 14,5% 424

200 7,1%

10% 201

100

15%

5%

95

0%

0 2010

2015*

2020*

Dimensione della classe benestante (milioni di individui) Peso % sulla popolazione cinese Note:* valori stimati Fonte: elaborazioni e stime Centro Studi Confindustria su dati World Bank, Global Insight

2 Depurato cioè dai differenti livelli dei prezzi nei vari paesi. Questo indicatore agevola il confronto internazionale, in quanto tiene conto del differente costo della vita nei diversi paesi.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Global

17

Per la loro dimensione e dinamicità, i mercati emergenti costituiscono quindi un’opportunità enorme per le nostre aziende. In termini di spesa per i consumi privati, la Cina è destinata a diventare il secondo mercato al mondo per consumi privati dopo gli Stati Uniti, entro il 2014. Grafico 6 Primi 20 paesi: spesa per consumi privati a prezzi correnti nel 2014, miliardi US$ e CAGR 2010-2014 Stati Uniti

12.092

Cina

4.060

Giappone

3.583

Germania

2.020

1,3%

Brasile

1.932

11,2%

Regno Unito

1.720

3,9%

India

1.573

12,3%

Francia

1.573

1,3%

Russia

1.316

14,4%

Italia

1.275

0,9%

Canada

1.137

5,6%

Messico

906

7,8%

Spagna

855

0,9%

Australia

774

4,2%

Corea del Sud

761

9,3%

Turchia

738

9,0%

Indonesia

657

13,2%

Polonia

392

8,0%

Paesi Bassi

354

-0,01%

Argentina

349

13,3%

4,2%

19,8% 2,9%

Nei prossimi cinque anni, i consumi privati mostreranno una crescita a due cifre in Cina, Brasile, India, Russia, Indonesia e Argentina

Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati EIU

Nei prossimi cinque anni, i consumi privati mostreranno una crescita a due cifre in Cina, Brasile, India, Russia, Indonesia e Argentina, guadagnando posizioni rispetto alla situazione del 2010. Anche Corea del Sud, Turchia, Polonia e Messico vedranno aumentare notevolmente la propria spesa per i consumi.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

18

Going Global

La domanda dei paesi emergenti è diversa rispetto a quella che le nostre imprese sono abituate a soddisfare sul mercato nazionale. Servono strategie ad hoc per l'ingresso in questi mercati

Tra i paesi avanzati, quelli europei, ad eccezione del Regno Unito (+3,9%), sperimenteranno una domanda piuttosto debole nella spesa complessiva per consumi. In questo contesto, i Paesi Bassi evidenzieranno la dinamica peggiore (-0,01%), seguiti da Italia e Spagna (+0,9%) e da Germania e Francia (+1,3%). Migliore la performance degli altri paesi avanzati extra-europei, come Stati Uniti, Giappone, Canada e Australia. Lo stallo della domanda interna sposta il focus delle aziende multinazionali verso mercati più dinamici e con ampi potenziali di crescita. La domanda dei paesi emergenti è però diversa rispetto a quella che le nostre imprese sono abituate a soddisfare sul mercato nazionale. Pertanto le imprese interessate a competere su questi nuovi mercati dovranno sviluppare strategie personalizzate per l’ingresso in questi mercati. Sotto il profilo operativo le strategie di penetrazione commerciale sui mercati emergenti possono seguire un approccio graduale. In una prima fase può essere opportuno sviluppare accordi con partner di rilievo locali con cui stringere delle joint venture o intraprendere delle iniziative di distribuzione e marketing. A questa prima fase d’internazionalizzazione ‘leggera’ potrebbe seguire, in un secondo momento, lo spostamento della base produttiva nei nuovi mercati di sbocco. Questa seconda fase del processo d’internazionalizzazione potrebbe essere necessaria per rispondere più adeguatamente e prontamente alla domanda, o a fronte di costi di trasporto elevati.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Global

19

Focus Cina Tra mercato e pianificazione Export, forte crescita della domanda interna ed investimenti pubblici: sono questi i driver dello sviluppo del PIL cinese. La Cina è un importante partner commerciale per molti paesi nel mondo, rappresentando un mercato di approvvigionamento e di sbocco chiave. Figura 2

Il ruolo della Cina come partner commerciale di rilievo La Cina è il principale partner commerciale della Germania in Asia

Nel 2009, la Cina è diventata il primo mercato di sbocco delle esportazioni giapponesi La Cina è il primo mercato di approvvigionamento dell’Australia

Gli Stati Uniti sono il primo mercato di sbocco della Cina con 221 miliardi US$ di controvalore esportato nel 2009

La Cina è il principale mercato di sbocco e, nel 2009, il secondo mercato di approvvigionamento del Brasile

La Cina è il più grande mercato di sbocco e di approvvigionamento del Sudafrica

Nel 2009, l’Algeria è stato il principale mercato di sbocco per le automobili cinesi

Fonte: KPMG International

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

20

Going Global

Nonostante la spettacolare accelerazione del mercato occorre ricordare che il governo cinese svolge ancora un ruolo fondamentale nello sviluppo economico del Paese. Il Governo centrale, ad esempio, ha un ruolo attivo nella ristrutturazione dei settori chiave, nel sostegno dei campioni nazionali, nell’approvazione delle IPO e degli investimenti all’estero. Relativamente all’attività M&A, la Cina è ormai stabilmente presente nei mercati globali dimostrandosi un player attivo nei processi di internazionalizzazione. Il gigante cinese è diventato uno dei principali investitori verso l’estero (28 miliardi US$ nel 2010) spinto dalla necessità di reperire energia, materie prime, tecnologie e brevetti necessarie al proprio sviluppo industriale. Grafico 7 Attività M&A Cina verso l’estero, controvalore e numero operazioni, 2000-2010 30.000

27.558

140

25.000

21.946

120

20.000

100 14.656

15.000

13.602

12.141

80 60

10.000

40 5.000

Numero operazioni

Controvalore (milioni US$)

160

20

603

0

0 2000

2006

2007

Controvalore

2008

2009

2010

Numero operazioni

Fonte: Thomson Reuters

Nell’ultimo periodo i player cinesi sono 'a caccia' di marchi globali, reti distributive e strutture logistiche. Figura 3

Lo 'shopping' all’estero: alcune recenti operazioni Tecnologia/Marchi

Materie prime

Servizi finanziari

• Settore: Automobilistico

• Settore: Minerario

• Settore: Servizi finanziari

• Bidder: Zhejiang Geely Holdings

• Bidder: Chinalco

• Target: Volvo (Svezia)

• Target: Rio Tinto (Australia)

• Bidder: Industrial & Commercial Bank of China

• Data: Agosto 2010

• Data: Marzo 2009

• Controvalore dell’operazione: 1,5 miliardi US$

• Controvalore dell’operazione: 19,5 miliardi US$

• Target: Standard Bank (Sudafrica) • Data: Ottobre 2007 • Controvalore dell’operazione: 5,6 miliardi US$

Fonte: KPMG International

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Global

21

La Cina ha effettuato operazioni M&A non solo verso le economie sviluppate, ma anche verso i mercati emergenti. Questo riflette la tendenza del Paese a non agire solo secondo logiche puramente commerciali ma anche seguendo obiettivi geopolitici. Figura 4 Investimenti all’estero della Cina, miliardi US$, controvalore complessivo dal 2005 al 2009 Asia dell’Ovest: 35,1 • Iran 10,8 • Kazakistan 9,7 • Fed. Russa 5,1

Europa: 32,9 • Regno Unito 8,2 • Grecia 7,6 • Svizzera 7,2

Asia dell’Est: 18,4 • Singapore 7,0 • Indonesia 3,6 • Filippine 2,6

Stati Uniti: 21,3

Emisfero occidentale: 17,0 • Perù 4,4 • Canada 4,4 Africa subsahariana: 36,4 • Congo 7,9 • Sudafrica 5,8 • Nigeria 5,8 • Niger 5,0

Mondo arabo: 28,5 • Arabia Saudita 8,0 • Algeria 6,6 • Iraq 4,1

Australia: 31,4

Note: operazioni M&A superiori a 100 milioni US$ Fonte: Heritage Foundation Dataset

Esempi interessanti di questo trend: • China Mobile ha comprato il 100% di Paktel Ltd., operatore pakistano delle telecomunicazioni, per 460 milioni di US$ • Chery lancerà un nuovo impianto da 500 milioni di US$ in Argentina dal 2012 • Suning Appliance ha comprato una quota del 27,36% di LAOX Co., un rivenditore di elettronica giapponese, per entrare nel loro mercato • la società sudafricana Super Group sta per vendere il proprio business nei veicoli commerciali a China North Vehicle Corporation • Sany Heavy Industry Co. prevede di investire 200 milioni di US$ in un impianto produttivo a San Paolo del Brasile per realizzare escavatori e altre attrezzature per le costruzioni.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

22

Going Global

Il governo cinese continua a svolgere un ruolo chiave nell’indirizzare lo sviluppo economico e sociale del Paese. Figura 5

Il ruolo del governo cinese Governo cinese

Ristrutturazione dei principali settori

Stimoli fiscali e finanziari

Valuta e regime di cambio

Attività M&A e investimenti

Quotazioni di borsa

Fonte: KPMG International

Nel marzo scorso è stato approvato il dodicesimo piano quinquennale cinese, un programma di sviluppo nazionale per i prossimi cinque anni. Il nuovo piano segna un punto di svolta rispetto al passato. Il rapido sviluppo del Paese ha fatto uscire milioni di persone dalla povertà ma ha sollevato diverse sfide legate alla sostenibilità (inquinamento, uso intensivo di energia e esaurimento delle risorse) e all’equità (disparità sociali, consumi interni ridotti) di questa crescita. Il governo ha fissato il nuovo target annuale di crescita del PIL al 7%, per i prossimi cinque anni, ma gli analisti si aspettano un tasso di crescita annuale sopra l’8% (nell’undicesimo piano quinquennale il tasso di crescita fissato era del 7,5%, a fronte di una crescita attuale superiore al 10%). La spasmodica corsa alla crescita degli ultimi anni deve accompagnarsi anche al raggiungimento di obiettivi di sostenibilità: • migliorare la qualità della vita della popolazione (assistenza sanitaria, educazione), attenuare le disparità sociali e ridistribuire la ricchezza • accrescere il potere d’acquisto dei lavoratori • continuare la transizione verso un’economia guidata dai consumi interni invece che dalle esportazioni • promuovere lo sviluppo delle regioni occidentali del Paese • salvaguardare l’ambiente, le risorse e promuovere l’efficienza energetica • sviluppare alcuni settori prioritari (in linea con gli obiettivi di sostenibilità e creazione di valore), allo scopo di aumentare il loro contributo al PIL dal 2% all’8% entro il 2015: - risparmio energetico e protezione ambientale, nuove energie (nucleare, eolico, solare), veicoli ad energia pulita - biotecnologie (farmaci e dispositivi medici), nuovi materiali (semiconduttori di fascia alta e metalli rari), IT (reti a banda larga, sicurezza delle infrastrutture), produzioni di attrezzatura di fascia alta. Il piano quinquennale include anche modifiche fiscali mirate, volte a favorire il raggiungimento dei principali obiettivi economici e sociali.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Global

23

Tabella 5

12° Piano quinquennale nazionale cinese 2011-2015: obiettivi e azioni Obiettivi

Principali tasse

Finalità

Stimolare i consumi interni Attenuare le disparità sociali

Tassa sul reddito delle persone

Aumento del reddito disponibile dei lavoratori

Tassa ambientale

Diminuire l’inquinamento

Tassa sulle risorse

Preservare le risorse (petrolio, gas, metalli rari) Aumentare le entrate degli enti locali Ridurre le vendite di terreni da parte degli enti locali

Tassa sui consumi

Rivedere la lista dei beni interessati Stimolare la domanda interna

Sviluppo delle regioni occidentali e centrali Risalire la catena del valore

Tassa sul reddito delle imprese Incentivi fiscali

Regime di tassazione preferenziale Stimolare l’innovazione tecnologica e la ricerca

Sviluppo del settore dei servizi

Tassa sul valore aggiunto

Accelerare lo sviluppo di questo settore

Tutela dell’ambiente Efficienza energetica

Fonte: KPMG China

Il piano prevede l’introduzione di nuove tasse in tutta una serie di settori (estrattivo, acciaio, cemento, etc.). La tassa sulle risorse, in particolare, avrà un impatto sulle vendite e quindi sui consumatori finali, con un conseguente aumento dei prezzi delle materie prime (ad es. metalli rari, di cui la Cina detiene oltre il 90%). Le aziende che attualmente operano nel Paese potrebbero dover spostare la produzione e le attività operative nelle province cinesi interne, che presentano costi del lavoro più bassi. L’aumento del reddito disponibile, favorito da una minore tassazione dei redditi individuali, porterà ad un allargamento della classe media cinese, con nuove opportunità legate al nostro export. In sintesi, guardando agli incrementi di salario (nel solo 2009 in media uno sviluppo del 16%), agli obiettivi del piano e alla crescita della classe affluent, la Cina, da 'fabbrica del mondo', sta diventando il più grande mercato di sbocco globale (secondo stime, entro il 2020 la Cina diventerà anche il più grande mercato del lusso mondiale).

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

24

Going Global

Evoluzione dell’export italiano Dopo il calo del 19,5% registrato nel 2009, l’export italiano è tornato a crescere nel 2010 (+9%) e continuerà ad aumentare nei prossimi anni, anche se con tassi di sviluppo più contenuti, intorno al 7%. Il pieno recupero del valore delle esportazioni di beni e servizi, rispetto ai livelli pre-crisi, è atteso solo nel 2012 e si consoliderà nel 2013, quando le nostre esportazioni raggiungeranno il valore di 485 miliardi di Euro. Grafico 8

Evoluzione del valore delle esportazioni nazionali di beni e servizi, a prezzi correnti, miliardi di Euro 600

15%

500 414 400

448

454

452

371

364

396

485

516

425

10% 5% 0%

300

-5% -10%

200

-15% 100 0

-20% 2005

2006

2007

2008

2009

Controvalore (€ miliardi)

2010

2011*

2012* 2013* 2014*

-25%

Variazione % sull'anno precedente

Note:* valori stimati Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati EIU e SACE

L’andamento descritto riflette però anche l’aumento dei prezzi. Analizzando invece il valore dell’export a prezzi costanti, depurato cioè dall’effetto dell’inflazione, il recupero del nostro export appare più lento e il ritorno ai livelli pre-crisi avverrà, presumibilmente, non prima del 2015. Il recupero del controvalore esportato non si accompagnerà, quindi, ad un’analoga ripresa dei volumi esportati. Grafico 9

Evoluzione del valore delle esportazioni nazionali di beni e servizi, a prezzi costanti, miliardi di Euro 400 350

334

356

370

10%

356 288

300

307

312

319

331

344

0%

250

-5%

200

-10%

150

-15%

100

-20%

50 0

5%

2005

2006

2007

2008

2009

Controvalore (€ miliardi)

2010

2011*

2012* 2013* 2014*

-25%

Variazione % sull'anno precedente

Note:* valori stimati Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati EIU

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Global

25

L’Italia è l’ottavo paese esportatore al mondo, e al quinto posto in Europa. La Germania si mantiene saldamente al primo posto tra gli esportatori europei, staccando nettamente tutti gli altri paesi dell’Unione. Grafico 10

Primi 15 paesi esportatori di beni e servizi nel 2010, controvalore dell’export a prezzi correnti in miliardi US$ Stati Uniti

1.839,8

Cina

1.752,6

Germania

1.529,8

Giappone

830,6

Regno Unito

662,6

Francia

651,4

Paesi Bassi

609,7

Italia

547,8

Corea del Sud

531,5

Hong Kong

500,5

Singapore

470,0

Canada

464,1

Russia

449,4

Belgio

380,9

India

372,3

Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati EIU

Il nostro Paese ha una forte vocazione esportatrice e l’export rappresenta una componente importante del PIL nazionale, pari al 28% nel 2010, destinata a crescere ulteriormente nei prossimi anni. Grafico 11

Le esportazioni sono un driver essenziale per far tornare l'Italia su un percorso di crescita

Incidenza delle esportazioni italiane di beni e servizi sul PIL nominale, % 35% 30%

29%

28%

29%

30%

31%

31%

2011*

2012*

2013*

2014*

24%

25% 20% 15% 10% 5% 0%

2008

2009

2010

Note:* valori stimati Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati EIU

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

26

Going Global

Le nostre esportazioni rappresentano, circa, il 3,1% dell’export mondiale. Una quota destinata a ridursi progressivamente nei prossimi anni, a seguito della competizione internazionale e dell’imporsi di nuovi attori, ma che mostra segnali di tenuta in termini di valori assoluti. Tabella 6

Le esportazioni italiane di beni e servizi, per tipologia di prodotto: volumi e tassi di crescita Tipologia di esportazioni

2010, miliardi di Euro

CAGR 2010-2014

26

5,5%

Beni agricoli • Alimentari, bevande e tabacco

15

5,5%

• Altri beni agricoli

11

5,6%

Beni di consumo

72

5,0%

• Prodotti in legno

17

5,4%

• Tessile e abbigliamento

30

4,5%

• Altri beni di consumo

25

5,4%

Beni intermedi

93

7,8%

• Industria estrattiva

14

9,6%

• Chimica

30

7,9%

• Gomma e plastica

17

7,5%

• Metalli

31

7,1%

Beni di investimento

131

7,3%

• Meccanica strumentale

68

7,8%

• Apparecchiature elettriche

22

7,6%

• Mezzi di trasporto

32

6,2%

9

7,1%

322

6,8%

74

6,7%

396

6,8%

• Altri beni di investimento Totale Beni Totale Servizi Totale Beni e servizi Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati SACE

Grafico 12

Composizione delle esportazioni italiane di beni e servizi

7% 19% 18%

Beni agricoli Beni di consumo Beni intermedi Beni di investimento Servizi

33%

23%

Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati SACE

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Global

27

Le esportazioni italiane di beni e servizi sono costituite per il 33% da beni d’investimento, in particolare meccanica strumentale e mezzi di trasporto. Un’altra parte considerevole delle nostre esportazioni riguarda la chimica e la lavorazione dei metalli (metallurgia, siderurgia), seguita dal tessileabbigliamento e dagli altri beni di consumo. Nei prossimi anni, saranno soprattutto le esportazioni di beni intermedi e d’investimento a sperimentare tassi di crescita più elevati, rispetto ai beni agricoli e di consumo. La composizione delle nostre esportazioni riflette le nostre eccellenze, il cosiddetto Made in Italy. Figura 6

Le eccellenze del Made in Italy: le 4 'A'

Automazione - Meccanica

Abbigliamento - Moda

Made in Italy

Arredo - Casa

Alimentare - Vini

Fonte: Fondazione Edison, Fondazione Symbola

I principali fattori di vantaggio competitivo del Made in Italy sono: • riconoscimento dei marchi • eccellenza qualitativa • estetica (la capacità di creare prodotti sofisticati per gusto e stile) • capacità di acquisire leadership globali in nicchie di mercato • flessibilità permessa da bassi livelli di integrazione verticale e attitudine a lavorare secondo logiche di rete. Dall’analisi dei principali mercati di sbocco delle esportazioni italiane emerge come i nostri prodotti e servizi siano ancora prevalentemente diretti verso le economie occidentali mature. La Germania è il nostro primo mercato, con circa il 13% del totale esportazioni. In generale, le nazioni europee si confermano come il principale mercato di sbocco delle produzioni italiane, con nove nazioni nelle prime dieci posizioni. Gli Stati Uniti si posizionano al quarto posto, con il 6% delle esportazioni italiane.

I fattori di vantaggio competitivo del Made in Italy sono: marchi, flessibilità, capacità di acquisire leadership globali su nicchie di mercato

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

28

Going Global

Tabella 7

I primi 20 paesi di destinazione delle esportazioni italiane

Il nostro export deve essere ri-orientato verso le economie emergenti

2010, miliardi di Euro

CAGR 2010 - 2014

1 - Germania

50,9

6,3%

2 - Francia

42,7

6,2%

3 - Regno Unito

24,6

5,2%

4 - Stati Uniti

24,6

6,4%

5 - Spagna

20,3

5,4%

6 - Svizzera

18,9

6,9%

7 - Olanda

10,8

6,3%

8 - Belgio

10,8

6,0%

9 - Austria

9,1

5,3%

10 - Polonia

9,0

7,4%

11 - Cina

8,2

10,5%

12 - Russia

7,9

7,0%

13 - Turchia

7,4

9,7%

14 - Grecia

6,2

4,8%

15 - Romania

4,8

7,7%

16 - Giappone

4,5

5,1%

17 - Brasile

4,0

10,0%

18 - Portogallo

3,8

5,3%

19 - Rep. Ceca

3,7

7,4%

20 - Emirati Arabi Uniti

3,6

6,2%

Mondo

396

6,8%

Mercati di sbocco

Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati SACE

Il primo mercato di sbocco appartenente al gruppo dei paesi emergenti è la Cina, in undicesima posizione, con una quota di mercato del 2% sulle nostre esportazioni, seguita da Russia e Turchia, che stanno guadagnando posizioni nel nostro export. I paesi emergenti, pur non costituendo il principale mercato di sbocco delle nostre esportazioni, sono quelli che dimostrano, per i prossimi anni, i tassi di crescita dell’export italiano più interessanti (prossimi al 10% in Cina, Brasile e Turchia). La quota di mercato delle esportazioni italiane nei mercati emergenti è quindi destinata ad aumentare. Nei paesi emergenti, la composizione merceologica delle esportazioni provenienti dall’Italia è caratterizzata da una netta prevalenza, pari al 60% circa, di beni d’investimento, seguiti dai beni intermedi e beni di consumo. Questa composizione riflette l’esigenza di questi paesi di proseguire nei processi di sviluppo e innovazione in atto, che necessitano di impianti e tecnologie avanzate, in cui l’Italia è leader. Le prospettive sembrano dunque favorevoli ad un ulteriore allargamento delle esportazioni italiane nei paesi emergenti.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

29

Going Global

Made in Italy: un asset prezioso Il brand Made in Italy è il terzo marchio più noto al mondo dopo Coca-Cola e Visa. Il marchio dimostra di avere anche una buona salute digitale. Secondo recenti dati forniti da Google tra il 2006 e il 2010 le ricerche on line con keyword Made in Italy sono cresciute del 153%. Nonostante processi di comunicazione non sempre mirati, dispersione di risorse e scarse iniziative di sistema, il Made in Italy rappresenta dunque una vera e propria infrastruttura immateriale, una 'portaerei intangibile' in grado di proiettare le imprese italiane sui nuovi mercati. Secondo un sondaggio realizzato di recente da KPMG gli stranieri associano al Made in Italy valori come estetica, bellezza, lusso, benessere e passione, mentre fattori come l’innovazione e la tecnologia rimangono ancora distanti rispetto all’identità del Made in Italy. A livello settoriale, Made in Italy per gli stranieri significa ancora prevalentemente moda, alimentare e arredamento, mentre la meccanica, la robotica e l’elettronica non sono percepite come rappresentative, anche se rappresentano una parte importante del nostro export.

Grafico 13

Quali valori ritiene siano maggiormente legati al Made in Italy? (incidenza % sul totale dei rispondenti, fino a 5 scelte possibili) Estetica/Bellezza

82%

Lusso/Benessere

72%

Passione

58%

Creatività

53%

Qualità

40%

Prodotti alimentari e vini

40%

Cultura

40%

Innovazione Tecnologia Durata nel tempo/Investimento Ordine e precisione

11% 4% 3% 1%

Fonte: survey KPMG Advisory

Grafico 14

Quali settori rappresentano maggiormente il Made in Italy? (incidenza % sul totale dei rispondenti, fino a 5 scelte possibili) Moda e accessori

100%

Prodotti alimentari e vini

90% 71%

Arredamento e design

Nell’attuale scenario di economia della 'percezione' dove i marchi contano sempre di più, occorre che le imprese italiane siano sempre più consapevoli che il Made in Italy, inteso non solamente come produzione localizzata nel nostro Paese ma come percezione del prodotto nel suo insieme, rappresenta un asset che ha ancora notevoli potenzialità per accompagnare i processi di penetrazione commerciale delle nostre imprese.

17%

Autoveicoli e motocicli Impiantistica ed automazione industriale Costruzioni navali

15% 6%

Robotica ed elettronica

5%

Grandi infrastrutture ed opere di ingegneria

3%

Energie rinnovabili

2%

Difesa

0,4%

Fonte: survey KPMG Advisory

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

30

Going Global

Non solo BRIC: arrivano i Next Eleven I paesi emergenti possono essere divisi essenzialmente in tre categorie: pre-emergenti, emergenti e ad alta crescita. La segmentazione riflette il diverso grado di sviluppo in base ad una serie di indicatori quali il grado di stabilità politica del paese, il grado di apertura dell’economia, la qualità delle infrastrutture, etc. Figura 7

Le caratteristiche dei diversi stadi di sviluppo Pre-emergenti • mancanza di stabilità politica • mancanza di volontà politica al cambiamento • mercato dei capitali chiuso o inesistente • basso livello di istruzione • alti tassi di crescita della popolazione • PIL basso • scarso livello di infrastrutture

Emergenti • stabilità politica • volontà politica al cambiamento • apertura dell'economia a investimenti stranieri • deregolamentazione dei mercati finanziari • crescente base produttiva • crescita di operatori nazionali • crescente livello di istruzione • alti tassi di crescita della popolazione • PIL crescente • forte attenzione alle infrastrutture • apertura al mercato turistico • inizio della fase di privatizzazione delle nazionalizzate • fase iniziale, guidata dal governo, delle attività M&A verso l'estero per il reperimento di risorse

Ad alta crescita • mercato dei capitali molto attivo • forti operatori nazionali • istruzione in uscita verso l'estero • passaggio da infrastrutture economiche a sociali • turismo verso l'estero • sviluppo di un mercato di consumatori • operazioni di consolidamento nei principali settori • M&A verso l'estero per il settore pubblico e privato

Sviluppati • minima interferenza da parte del governo • basso livello di corruzione • mercato dei capitali aperto e trasparente • aziende globali • esportazione di competenze (skills) • tassi di crescita della popolazione decrescenti e invecchiamento della popolazione • elevato livello di infrastrutture sociali • forte mercato dei consumatori • alto livello di attività M&A in entrata e in uscita

Fonte: KPMG International

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Global

31

Figura 8

Segmentazione dei paesi emergenti in base al loro stadio di sviluppo Pre-emergenti • Angola • Bangladesh • Libia • Mongolia • Congo • Iraq • Algeria

Emergenti • Indonesia • Filippine • Vietnam • Taiwan • Cile • Colombia • Perù • Venezuela • Argentina • Qatar • Africa dell'Est • Africa dell'Ovest • Africa del Sud • Arabia Saudita • Kuwait • Pakistan • Turchia • Slovacchia • Marocco • Emirati Arabi Uniti

Ad alta crescita • Cina • Brasile • Russia • India • Messico • Corea del Sud

Oltre ai BRIC ormai si parla già dei Next Eleven (N11): paesi che nel giro di pochi anni giocheranno un ruolo chiave nei nuovi scenari globali

Fonte: KPMG International

Oltre ai BRIC si parla ormai sempre più frequentemente di Next Eleven (N11), undici paesi emergenti ad alto potenziale di crescita (tra cui Egitto, Messico, Turchia, etc.), che si pensa potranno giocare un ruolo chiave nello sviluppo economico globale. Figura 9

Diverse classificazioni di paesi emergenti BRIC • Brasile • Russia • India • Cina

N11 • Bangladesh • Egitto • Indonesia • Iran • Corea del Sud • Messico • Nigeria • Pakistan • Filippine • Turchia • Vietnam

Classifica Fortune 500 Companies • BRIC Brasile - 5 Russia - 5 India - 7 Cina - 37 • N11 Messico - 5 Corea del Sud - 14 Turchia - 1 • Altri Malesia - 1 Arabia Saudita - 1 Taiwan - 6 Thailandia - 1

Fonte: Goldman Sachs, Fortune Global 500

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

32

Going Global

Nuove opportunità, ma anche nuovi rischi Le imprese che si vogliono internazionalizzare devono affrontare i rischi e le incertezze di un investimento diretto verso un ambiente diverso da quello domestico. I rischi sono in particolare connessi alle differenze politiche, economiche e sociali che caratterizzano i nuovi mercati rispetto a quelli tradizionalmente serviti. Diventa quindi fondamentale per le aziende, interessate ad operare sui mercati internazionali, valutare in maniera ponderata le opportunità dei nuovi mercati di riferimento, per evitare di effettuare un investimento sbagliato. Esistono, in questo senso, diverse metodologie volte alla misurazione del Rischio Paese, inteso come la sommatoria di rischi di diversa natura: politici, economici, finanziari, operativi e sociali. Figura 10

I principali fattori per la valutazione del Rischio Paese Rischi politici • stabilità interna • violenza politica esercitata • sviluppo delle relazioni internazionali

Rischi economici • sviluppo dell'attività economica • conti pubblici • inflazione • bilancia dei pagamenti • debito estero • riserve valutarie • tasso di cambio

Rischi finanziari • struttura del sistema finanziario • mercato azionario

Rischi operativi • sistema legale • tasso di corruzione • atteggiamento nei confronti degli investitori esteri • livello di infrastrutture • sicurezza

Rischi sociali • tasso di disoccupazione • bisogni fondamentali non soddisfatti (alimentazione, istruzione, sanità, servizi sociali) • accesso all'informazione (stampa, diffusione di internet)

Fonte: SACE

Gli avvenimenti degli ultimi mesi mostrano come le crisi socio-politiche di alcuni paesi (Tunisia, Egitto, Libia, etc.) possano trasmettersi ad altre realtà, non solo limitrofe, diventando globali. A questo effetto-contagio contribuiscono da un lato i mercati finanziari, dall’altro la tecnologia, tramite i nuovi strumenti di comunicazione di massa che rendono tutto il mondo 'più vicino'. Queste nuove variabili rendono le crisi molto meno prevedibili rispetto al passato. Una mappa dei paesi 'a rischio' può diventare obsoleta anche in poche settimane. Secondo SACE (Servizi Assicurativi del Commercio Estero) le zone del mondo ad altissimo rischio politico-economico comprendono gran parte dell’Africa subsahariana (ad eccezione del Sudafrica, della Namibia e del Botswana), diversi paesi dell'America Latina (Venezuela, Ecuador, Cuba, Haiti) e dell'Asia (Corea del Nord, Myanmar, Nepal, Pakistan, Afghanistan, Kyrgyzstan, Yemen e Iraq). I paesi con un rischio alto, ma inferiore rispetto al precedente, sono in America Latina (Bolivia, Argentina, Guyana, Suriname, Nicaragua, Honduras, Belize), in Asia (Laos, Cambogia, Sri Lanka, Bangladesh, Bhutan, Tajikistan, Mongolia, Uzbekistan, Turkmenistan, Iran, Armenia, Azerbaijan, Georgia, Siria, Libano), in Europa Orientale (Ucraina, Moldavia, Bielorussia) e in tutta la zona della ex-Jugoslavia. I paesi emergenti con un rischio basso sono: Brasile, Cile e Guyana Francese in America Latina; Sudafrica in Africa; Cina, Taiwan, Hong Kong, Singapore, Corea del Sud, Brunei, Oman e Qatar in Asia.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Global

33

Da un punto di vista operativo i principali ostacoli che le imprese possono incontrare nell’accesso ai mercati esteri, riguardano: • le barriere tariffarie, attraverso l’introduzione di dazi o quote • il livello di burocrazia e i provvedimenti amministrativi (come richieste di certificazione, permessi all’importazione) • la vischiosità nei comportamenti da parte di uffici o soggetti stranieri, che rendono più difficile l’accesso al mercato • i regolamenti e standard tecnici complicati e valutazioni di conformità non in linea con quanto previsto dal WTO • l’abuso di norme e misure sanitarie e fitosanitarie • la scarsa protezione della proprietà intellettuale • le barriere al commercio di servizi ed agli investimenti esteri diretti (ad es. limiti al possesso azionario, joint venture obbligatorie, trattamento discriminatorio) • le regole restrittive sugli appalti che impediscono la possibilità di vittoria ad imprese straniere. Figura 11

Numero delle misure restrittive al commercio adottate dai principali partner dell’UE, 2010 Ucraina 3 Canada 7

Kazakistan 8

Arabia Saudita 4 Russia 73

Vietnam 17 Cina 22 Usa 25

Turchia 8 Egitto 10

Messico 7

Algeria 7 Nigeria 4

Ecuador 1

Corea del Sud 19 Giappone 7 Hong Kong 1 Taiwan 1 Filippine 1

Brasile 11

Indonesia 53

Paraguay 6

Malesia 2

Argentina 70

Thailandia 3 Australia 3 India 21 Sudafrica 20

Fonte: Commissione Europea

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

34 34

Going Going Global Global

Evoluzione dei modelli di business: la nuova CEO Agenda

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Going Global Global

35

L’internazionalizzazione è una grande opportunità per le nostre imprese. Per coglierla le aziende devono rivedere i loro modelli di business adattandosi alla complessità del nuovo contesto di riferimento. Per le imprese italiane, spesso alle prese con problemi strutturali come la cronica mancanza di capacità manageriali, ritardi tecnologici e logiche di gestione familiari, è l’occasione per ridefinire un’agenda delle priorità. Ma occorre partire ‘qui ed ora’, non c’è più tempo da perdere.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

36

Going Going Global Global

01

Operations: nuovi approcci per gestire la complessità delle ‘supply chain globali’ Figura 12 I processi aziendali che compongono la dimensione operations Pianificazione della domanda e previsioni

Processo di approvvigionamento

Processo di produzione

Gestione degli ordini e servizi alla clientela

Distribuzione e logistica

Fonte: KPMG Advisory

Il nuovo contesto competitivo introdotto dalla globalizzazione dei mercati, spinge le aziende a cambiare in modo radicale regole e geografie delle loro catene logistico-produttive. Di seguito alcuni dei fenomeni emersi in questo processo di trasformazione. Figura 13 Gli impatti della globalizzazione sulle aziende Utilizzo di partner industriali/ produzioni in conto terzi per gestire previsioni errate della domanda o fabbisogni inattesi

Maggior attenzione agli aspetti ambientali collegati alla cosiddetta 'green supply chain'

Intelligence dei mercati di fornitura globali, alla ricerca delle migliori opportunità

Delocalizzazione dei centri produttivi (acquisizioni, joint venture, delocalizzazione produttiva, etc.)

Azienda

Ampliamento/ Personalizzazione gamma prodotti

Potenziamento delle basi logistiche nelle aree con maggior concentrazione di clienti

Fonte: KPMG Advisory

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Going Global Global

37

Figura 14 Esempio di complessità del flusso logistico di un’impresa italiana operante nel settore manifatturiero

Pianificazione e Logistica Corporate 4 – Conferma Booking 2 – Info stato avanzamento produzione fornitore 1 - Invio Ordine a Fornitore

Andamento delle vendite per area logistica/paese + Disponibilità giacenza nei singoli depositi (in funzione della merce in arrivo)

Consegna merce all’operatore logistico

Cliente finale Cliente finale

Fornitore

Flussi inter-deposito

Trasporto secondario al Cliente finale

3 – Doc per Booking

Consegna diretta al Cliente finale

Operatore Logistico

Trasporto ‘primario’ al deposito di stoccaggio dell’azienda

Deposito azienda

Magazzini azienda

Fonte: KPMG Advisory

In questo scenario ricco di opportunità e pervaso dalla competizione globale, dove l’accesso al credito è diventato più complicato e l’attenzione alle variabili economiche/finanziarie legate alla generazione di cassa è diventata il punto cardine di qualsiasi decisione ‘industriale’, la complessità che il Direttore Operations deve gestire è decisamente aumentata.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

38

Going Going Global Global

Figura 15 L’agenda del Direttore Operations: principali scelte operative

Dove posizionare i magazzini?

Produzione centralizzata vs delocalizzazione? Come monitorare in modo efficace e tempestivo la performance delle nuove catene logistico-produttive?

Come ridurre gli stock?

Come rivedere l’organizzazione della funzione Operations tra headquarter e realtà locali?

Come preservare il know-how produttivo a fronte di una crescente esternalizzazione? Nearshoring vs offshoring?

Quale capacità produttiva per ciascuna fabbrica?

Fonte: KPMG Advisory

La Figura 15 mostra solo alcune delle tante problematiche che ogni giorno arrivano sul tavolo del Direttore Operations, il quale peraltro ha sempre meno tempo per decidere ponderando tutte le diverse variabili operative e cercando quel razionale sull’EBITDA e sul net working capital che l’Amministratore Delegato ed il CFO richiedono. Come semplificare questa complessità? Oggi fare scelte in base solo all'intuito o all'esperienza pregressa non è più possibile. Alla cultura del fare, bisogna avvicinare quella del pensare, ma un ‘pensare in modo veloce, strutturato secondo modelli pre-impostati, in grado di valutare le decisioni a 360°’. Gli strumenti di simulazione dinamica aiutano a supportare decisioni complesse, in ambito operations, quali ad esempio:

I processi di simulazione consentono al Direttore Operations di predisporre al meglio la strategia, chiarendo quali sono i mercati da servire, con quali prodotti e secondo quali modalità produttive e distributive

• conviene produrre il prodotto in Cina, trasferirlo nell’hub in Italia e coprire il fabbisogno in UK dall’Italia, o conviene spostare il prodotto direttamente dalla Cina in UK rischiando che le variazioni registrate dalla domanda durante il lead time logistico-produttivo mi costringano ad un trasferimento non pianificato verso un altro paese una volta arrivato il materiale in UK? • conviene approvvigionarsi con il fornitore consolidato italiano a pochi metri dalla mia fabbrica, che offre garanzia di lotti piccoli e lead time ridotti o approvvigionarsi dalla Cina dove il costo del prodotto è più basso ma ho il vincolo del trasporto su nave che impone lotti ‘da container’ e 50 giorni di navigazione? • qual è la capacità massima di uno stabilimento al variare del mix e dei volumi produttivi?

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Going Global Global

39

I passi operativi che consentono di utilizzare i sistemi di simulazione sono: 1. individuare i possibili scenari da validare (servire un paese/un mercato con uno stabilimento in loco o da remoto con altri plant, quale capacità produttiva installare per far fronte ad una domanda che aumenta del 10% in volume e mix, etc.) 2. per ciascuno scenario, inserire le variabili chiave all’interno del modello (efficienza produttiva, costi di produzione/trasporto, deviazione standard della domanda per prodotto/famiglia, etc.) 3. elaborare attraverso un modello i vincoli e i legami tra le variabili, e fornire in uscita il costo globale dell’iniziativa: ricavi, costi operativi e impatto sul net working capital. Figura 16 Esempio dell’architettura di un tool per la simulazione dinamica

Piano delle vendite

Assetti produttivi

Piano di produzione

Modelli di Simulazione Operativa

Piano trasferimenti all’interno del network

Famiglia/Tipologia PF - Stab/Linea - Mese

Piano dei trasporti

Configurazione rete distributiva

Costo logistico integrale (€)

Scenari da simulare

Tool di simulazione Scenari previsioni di vendita

Pianificazione materiali

Politiche e parametri di pianificazione Item - Lotti - LT - SS - Livello servizio

Supporto alle decisioni strategiche

Localizzazione fabbriche

Prodotti da produrre nelle singole fabbriche

Posizionamento stock PF

Valutazione network alternativi sul costo totale

Break even vendite sul costo logistico integrale

Stock target/Livello di servizio

Fonte: KPMG Advisory

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

40

Going Going Global Global

Per rendere efficace il processo decisionale innescato dalla simulazione, è necessario inoltre: • lavorare sulla standardizzazione dei processi e dell’organizzazione delle diverse unità operative locali, agendo sulla normalizzazione/ottimizzazione delle procedure operative, sull’integrazione dei sistemi ICT, sulla formalizzazione di una documentazione di supporto comune • potenziare i sistemi di controllo dei processi delle operations, attraverso l’implementazione di processi di misurazione e miglioramento basati su un tableau de bord operativo, che permetta di rilevare in modo omogeneo le performance dei vari plant e del sistema logistico nella sua globalità e di collegare i risultati conseguiti ai vari ruoli/livelli organizzativi ed ai relativi sistemi di valutazione/incentivazione delle risorse. I due punti sopra descritti hanno l’obiettivo finale di garantire che i tempi della ‘messa a regime’ di uno stabilimento produttivo o di una rete logistica globale siano i più veloci possibile e con i costi più bassi (replicabilità delle best practice, riutilizzo di risorse, job rotation risorse umane etc.).

Solo investendo in maniera combinata nella simulazione dinamica, nel controllo e nella standardizzazione dei processi, è possibile trasformare la complessità delle nuove supply chain, da fonte di costo e possibile disservizio/perdita d’immagine nei confronti dei clienti, in una leva di vantaggio competitivo basata sulla riduzione dei costi del prodotto e l’incremento del livello di servizio.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Going Global Global

41

02

Finanza: le sfide per una gestione davvero globale

Le tre domande chiave per una finanza globale: • come facilitare le decisioni di investimento? • come sviluppare un’efficace cash supply chain? • come controllare il rischio della propria organizzazione? Per operare in modo efficace in un contesto di internazionalizzazione, assumendo il ruolo di catalizzatore e facilitatore delle operations, la finanza e la tesoreria corporate devono poter agire sulla visibilità e sul controllo day to day della liquidità e sulla massima disponibilità ed efficiente provvista di capitali. Il processo di internazionalizzazione può presentarsi infatti come molto redditizio, ma subire problemi di liquidità, che potrebbero bloccare le decisioni, non permettendo il raggiungimento della strategia aziendale.

Liquidità: dove, quando e con quali tempi? Provvista: centrale o locale? Organizzazione: centrale, regionale o locale? Gestione dei Rischi: quanto allocare per fronteggiarli?

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

42

Going Going Global Global

Figura 17 Internazionalizzazione: quali sfide di finanza per un'azienda italiana?

$

¥

€ Y Azienda italiana

Fornitore

Approvvigionamento

Produttore

Pagamento

Distributore

Distribuzione

Cliente

Vendita

Fonte: KPMG Advisory

Per garantire disponibilità finanziaria su scala globale servono nuovi modelli di gestione della liquidità e della finanza

L’internazionalizzazione delle operations richiede, pertanto, una nuova ‘dimensione finanziaria’. Per poter proattivamente facilitare e supportare le nuove decisioni di investimento è necessario sviluppare una nuova concezione di ‘cash supply chain’, dove la soluzione ottimale per ogni impresa è rappresentata dalla scelta di un nuovo modello finanziario che possa svilupparsi lungo precise direttrici, facendosi volano del processo di internazionalizzazione. L’evoluzione del contesto competitivo richiede dunque di avviare un progetto in grado di interpretare la nuova 'geografia finanziaria' in termini di contesto politico ed economico, regolamentazione e normativa bancaria, tassazione, gestione della liquidità internazionale, infrastrutture, organizzazione e processi. Il focus rimane fortemente sul costo della provvista ma in un contesto di internazionalizzazione questo è sempre più spesso superato dall’importanza della tempestività e disponibilità immediata di risorse. Occorre quindi ripensare profondamente il proprio modello di gestione della liquidità e della finanza, sviluppando flussi di informazione e movimentazione della liquidità di natura forward e backward, riducendo i costi complessivi e mitigando la gestione dei rischi.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Going Global Global

43

Figura 18 Le leve per una gestione finanziaria internazionale

Forward value cycle: Piena visibilità, controllo e accesso giornaliero alla liquidità e ai fondi nel contesto globale

Centralizzare e semplificare raggiungendo un'organizzazione unitaria

Gestire i rischi allocando il giusto capitale per fronteggiarli

Armonizzare le previsioni 'day by day' con il medio-lungo termine

Fonte: KPMG Advisory

Misurare strategicamente e tempestivamente le performance

Backward value cycle: Monitoraggio strategico e omogeneo degli obiettivi di investimento coerenti con la strategia

Centralizzare e semplificare raggiungendo un'organizzazione unitaria Tendere progressivamente ad una gestione centrale con vista globale della liquidità attraverso una semplificazione dei rapporti e delle condizioni bancarie mediante l’utilizzo di modelli effettivi e virtuali di gestione della liquidità. Localizzare ed accentrare il proprio quartier generale finanziario laddove le migliori condizioni ambientali, legali e finanziarie ne possano permettere un ruolo di vero e proprio catalizzatore. Armonizzare le previsioni 'day by day' con il medio-lungo termine Adottare policy e direttive finanziarie comuni per tendere gradualmente all’adozione ed esecuzione di processi di previsione finanziaria accurati, tempestivi ed integrati tra loro che possano fornire in tempo reale le informazioni aggregate e consolidate a livello globale simulando scenari alternativi di azione, coerenti con la strategia a medio e lungo termine.

Controllare, prevedere, misurare e gestire divengono elementi di finanza strategica nel momento in cui si fanno nuovi investimenti

Misurare strategicamente e tempestivamente le performance Introdurre metriche quantitative ed omogenee per consentire la quantificazione obiettiva delle performance raggiunte, trasformando grandi quantità di flussi in informazioni ad elevato contenuto strategico. Gestire i rischi allocando il giusto capitale per fronteggiarli Adottare modelli di controllo dei rischi che presuppongano l’adozione di un criterio di misurazione in grado di rappresentare efficacemente il fenomeno oggetto di analisi. Attuare quindi strategie di copertura per mitigare il rischio dell’ordinaria attività di gestione garantendo il giusto mix di allocazione del capitale impiegato per fronteggiarli.

Il modello finanziario a cui tendere è quello di una gestione accentrata con vista globale che permetta di governare la liquidità con opportuni strumenti di gestione effettiva e virtuale, pianificazione e simulazione di strategie alternative di investimento. © 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

44

Going Global Going Global

L’M&A: un acceleratore della crescita 'Piccolo non è più bello'. Lo slogan che aveva reso famoso il modello delle PMI italiane sembra ormai superato dalla globalizzazione. Per entrare in nuovi mercati e vincere la concorrenza di nuovi formidabili competitor, infatti, la dimensione conta. Occorre far leva sulle economie di scala per essere competitivi in termini di risorse finanziarie, management, tecnologie e capacità d’innovazione. L’M&A può rappresentare un’opzione strategica importante per i processi di crescita delle imprese italiane sui mercati internazionali. Ma si tratta di un percorso complesso. L’esperienza maturata negli ultimi anni da alcune aziende italiane multinazionali di successo quali Luxottica, Campari, Amplifon, Autogrill, Indesit, Brembo ci fornisce delle indicazioni importanti sugli ingredienti necessari per la creazione di valore tramite l’M&A cross border. Innanzitutto serve un management di qualità sia sotto il profilo della visione strategica sia per quanto riguarda la capacità di execution. Il processo di due diligence deve prevedere un’analisi attenta non solo dei dati e

delle performance storiche ma anche una capacità di proiezione futura sul business dell’azienda target. In generale è importante avere, fin da prima del closing, un efficace piano d’integrazione. I primi cento giorni successivi al perfezionamento dell’operazione sono spesso decisivi per il successo della stessa. Bisogna acquisire subito il controllo di alcune funzioni chiave dell’azienda acquisita, come la finanza e l’area commerciale, ma al tempo stesso dare continuità alla gestione aziendale valorizzando il più possibile il management esistente. Per creare valore bisogna mettere a fattor comune i punti di forza sia dell’acquirente sia dell’acquisito. Inoltre per evitare duplicazioni di ruoli e ridondanze organizzative occorre avere un certo livello di centralizzazione. Un tema decisivo è quello dell’integrazione tra le culture aziendali, ossia come le persone pensano e interagiscono tra loro. Molte imprese italiane di successo tendono ad adottare un approccio soft, secondo una logica che guarda più al mondo latino che non a quello anglosassone.

Non hanno la pretesa di imporre immediatamente modelli e processi sul target acquisito. Seguono tempi più lenti d’integrazione, evitando in questo modo reazioni di rigetto. Analizzando le acquisizioni all’estero delle imprese italiane si osserva che il razionale delle operazioni è spesso finalizzato a rafforzare reti distributive e commerciali, a potenziare i portafogli di offerta tramite acquisizione di prodotti/ servizi/marchi, al conseguimento di leadership tecnologiche e/o manageriali. La strategia di espansione prevede frequentemente anche l’esportazione e la replica del modello di business a livello locale. In tutti i casi, questi processi cambiano il DNA delle imprese. Pur mantenendo la testa pensante nel territorio di origine, le imprese italiane internazionali capiscono che la loro crescita è sempre di più legata alla proiezione internazionale. Si tratta di processi irreversibili e per certi versi non più rinviabili, se si vuole competere nel nuovo scenario globale.

Grafico 15

Operazioni cross border italiane e incidenza % sul numero totale 70%

700 61%

60% 48%

500 400

40%

44% 41%

39%

313 300 131 200 100 0

2000

35%

50%

41% 40%

35%

29% 246 111

182

35%

47%

176 91

135 2001

203 145 74

85

71

2002

2003

Estero su Italia

123 91 32 2004

158

164

88

73

116

82

70

91

2005

2006

2007

20%

130 80

121

Italia su estero

30%

239

123

38 42

2008

2009

% Incidenza

Operazioni cross border

600

77

10% 47 47 30 0% 2010 1° sem 2011 83

% su totale numero operazioni

Fonte: KPMG Corporate Finance © 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Going Global Global

45

03 ICT: una nuova cultura 'digitale' per vincere la sfida dell'internazionalizzazione L'ICT è uno straordinario fattore abilitante per far funzionare in chiave globale l’intero business model. Si configura sempre di più come un ecosistema complesso. Dalle piattaforme applicative ERP, PLM e per il collaborative manufacturing – spesso basate su Web – alle applicazioni a supporto della logistica e della gestione dei partner, dagli strumenti per gestire in modo efficace il time to market e la customer satisfaction quali CRM, BI e marketing 2.0 fino ai processi di armonizzazione/integrazione dei sistemi ICT legacy. In questa prospettiva il management dell’informazione è sia un aspetto della complessità sia uno strumento per risolverla. È chiaro che la disponibilità di un’infrastruttura ICT in grado di raccogliere, analizzare e presentare l’informazione richiesta è una priorità nell’agenda manageriale di molte imprese italiane globali. In molti casi si tratta di costruire un delicato equilibrio tra centralizzazione/controllo e necessità di garantire agilità e tempestività nelle risposte di business.

Il management dell’ICT si configura sia come un aspetto della complessità sia come uno strumento per risolverla.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

46

Going Going Global Global

Figura 19 L’ecosistema ICT per l’internazionalizzazione

Internazionalizzazione/ delocalizzazione produttiva

Sistemi ERP PLM Collaborative Manufacturing

Aumento complessità catene logistiche

SCM/RFID/integrazione B2B

Time to market Business Intelligence

Aumento competitività/ clienti ‘complessi’

Marketing 2.0 CRM

M&A/Ristrutturazioni

ICT Consolidation

Fonte: NetConsulting

In Italia l’innovazione tecnologica rimane un fenomeno ancora limitato, le cui potenzialità sono talvolta sottovalutate anche nei circoli decisionali del mondo industriale, economico e politico. La spinta all’innovazione esiste, ma spesso le motivazioni che guidano gli investimenti nell’ICT si limitano a cogliere benefici di cost reduction. Eppure l’ICT è un elemento indispensabile per 'fare sistema' soprattutto in un contesto come quello italiano caratterizzato da un tessuto produttivo composto prevalentemente da PMI. L’ICT si può configurare come un vero e proprio 'collante' di un sistema produttivo a rete, favorendo processi d’integrazione tra imprese di filiera e/o abilitando la collaborazione e l’attivazione di processi d’innovazione tra imprese eterogenee. Nonostante queste potenzialità, il nostro Paese sconta un ritardo nell’aggiornamento della propria dotazione tecnologica, rispetto ad altri stati europei.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Going Global Global

47

Figura 20 Utenti internet nel mondo, 2010

Italia

32 milioni di utenti, 53%*

USA

265 milioni di utenti, 85%*

Brasile

62 milioni di utenti, 32%*

Russia

40 milioni di utenti, 28%*

Cina

508 milioni di utenti, 39%*

India

82 milioni di utenti, 7%*

Clienti che possono essere raggiunti con investimenti ICT mirati

Note: *incidenza sulla popolazione totale Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati EIU

Nel mondo attualmente ci sono quasi 1,8 miliardi di utenti internet, di questi più di 700 milioni risiedono nei paesi BRIC (con un’incidenza pari al 39% del totale), quasi il triplo degli Stati Uniti. Contemporaneamente le applicazioni 'Internet mobile' (iPhone, iPad, iTouch) hanno raggiunto i 150 milioni di persone e l’effetto social network (Facebook, etc.) si configura come un nuovo paradigma non solo della comunicazione interpersonale ma anche nella relazione tra aziende e clienti in ottica di co-makership. Questi nuovi strumenti e la prossima futura ondata dell’'internet delle cose', delineano sempre di più quell’idea di impresa sense & respond in presa diretta con tutti i suoi stakeholder di riferimento. L’Italia, come sensibilità complessiva, sembra attardata rispetto a questi processi. Il nostro Paese evidenzia livelli di penetrazione del canale Internet inferiori rispetto ai principali paesi europei (Francia 76%, Germania 80% e Regno Unito 81%). Inoltre, alcune ricerche condotte nel nostro Paese evidenziano che l’ICT non viene riconosciuta come una variabile fondamentale per fare impresa e per lo sviluppo delle nostre PMI. Infatti, solo il 26% della spesa ICT in Italia è effettuata dalle PMI.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

48

Going Going Global Global

Figura 21 Il sistema industriale italiano tra distretti industriali ed eccellenze Made in Italy, quale ruolo per l’ICT?

Scenario

Complessità

Mission

• eterogeneità e frammentazione del tessuto imprenditoriale • transazione verso la post-crisi • evoluzione verso nuovi modelli competitivi

Gap competitivo • utilizzo dell’ICT inferiore alle medie europee • scarso uso dell’ICT per la creazione di valore • elevati costi operativi

Supportare le imprese nella transizione verso nuovi modelli organizzativi con più elevata capacità competitiva e creazione di valore per il cliente finale

Fonte: Assinform Confindustria

Nonostante la frammentazione che caratterizza il sistema industriale italiano e il ritardo che lo separa dalle medie europee, il processo d’innovazione dell’impresa italiana, seppur lentamente e limitatamente ad alcune esperienze, è iniziato. La media impresa italiana ha cominciato a rimodellare le produzioni e a specializzarle, si è concentrata sui prodotti di alta gamma e con un elevato contenuto di servizio, sfruttando le tecnologie ICT come leva per strategie di filiera e di ottimizzazione da parte delle imprese. Le aziende che non hanno ancora del tutto metabolizzato l’innovazione necessaria per competere, avvertono la necessità di adeguare le strutture organizzative, semplificare e snellire i processi produttivi, migliorare i processi di relazione con il mercato, sfruttando la leva dell’ICT, fattore essenziale per la sopravvivenza. L’innovazione nelle imprese agisce da moltiplicatore dello sviluppo ed è essa stessa un settore d’importanza cruciale per l’economia. Per cogliere questa opportunità occorre favorire, oggi più che ieri, la virtuosa interazione tra le innovazioni portate dal settore ICT e quelle che le imprese sviluppano nell’adattarsi alle nuove tecnologie. I cambiamenti di scenario in atto evidenziano spesso i limiti degli assetti ICT esistenti. Questi limiti possono essere colti, interpretando una serie di segnali quali: • stile di gestione troppo prudenziale, orientato al solo contenimento dei costi • difficoltà nella definizione degli investimenti e delle priorità • ritardi e scarsa velocità di realizzazione • ICT come ostacolo all’espansione internazionale • bassa 'conoscenza' dei propri clienti.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Going Global Global

49

Figura 22 Agenda di lavoro per lo sviluppo di un’Information Technology di valore

Riconsiderare assetti e costi ICT

Gestire 'investimenti' coerenti con le aspettative di business e l'innovazione tecnologica

Implementare sistemi gestionali solidi e che consentano una base informativa di valore

Sperimentare nuove soluzioni soprattutto ICT in ottica di mercato

Promuovere una cultura 'digitale' diffusa nel management aziendale per cogliere nuove opportunità

Fonte: Nolan, Norton Italia

Il management di un’azienda ha di fronte diverse sfide, legate alla sfera dell’Information & Communication Technology, che devono essere affrontate al più presto per permettere alle imprese di continuare a crescere: • sistemi gestionali finalizzati a processi più efficienti, correttezza e profondità informativa su clienti e prodotti, maggiore interazione in logica di impresa allargata (clienti, fornitori, istituzioni) • utilizzo aggressivo dell’ICT a sostegno dello sviluppo di mercato attraverso la conoscenza e l’interazione con i clienti (marketing, business intelligence, social network, etc.), che permettono di adeguarsi con reattività alle esigenze di mercato e di integrare i prodotti con servizi a valore aggiunto • sostegno a processi d’'internazionalizzazione' tramite un ICT specifico (cloud computing, portali e-commerce) che con costi accessibili (ICT low cost) consentano il superamento di barriere logistiche, linguistiche e di mercato. Le imprese che saranno in grado di affrontare e superare queste sfide mostreranno una maggiore reattività e capacità di adattamento al cambiamento, che gli consentirà di rimanere competitive. La revisione degli assetti ICT e l’individuazione di soluzioni 'digitali' vincenti è un processo articolato ma che una volta attivato consente importanti recuperi di competitività e un sostegno di valore allo sviluppo di nuovi mercati. Figura 23 Requisiti per competere

Investimenti ICT finalizzati a: • velocità aziendale • semplificazione gestionale • chiarezza e coerenza informativa • sicurezza

Gap competitivo • cultura ‘digitale’ diffusa • apertura all’innovazione e al rischio • tecniche di management strutturate • selezione di soluzioni ICT coerenti e di medio/lungo periodo Fonte: Nolan, Norton Italia

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

50

Going Going Global Global

04

Marketing: reinventare la relazione con il cliente Per competere a livello internazionale, le imprese devono sempre mantenere al centro delle loro strategie il cliente. Nell’ambito dei processi d’internazionalizzazione, il marketing assume dunque un’importanza cruciale. Figura 24 La filiera 'classica' del marketing Identificazione del target di riferimento

Analisi della concorrenza

Definizione del posizionamento

Gestione della comunicazione

Valutazione e controllo dei risultati

Fonte: KPMG Advisory

Per competere a livello internazionale, le imprese devono mantenere al centro delle loro strategie il cliente

Il passaggio da una logica di azienda make & sell focalizzata essenzialmente su logiche di progettazione e vendita di prodotti a logiche sense & respond orientate a servire i bisogni della clientela, rappresenta una vera e propria rivoluzione culturale soprattutto per molte PMI. In questa nuova prospettiva il marketing smette i panni di funzione di staff e diventa un vero e proprio processo di linea che anticipa gli altri e diventa fattore abilitante dell’intera strategia aziendale. La Direzione Marketing deve reinventarsi e proporsi sempre di più come Direzione Clienti, assumendo un ruolo di cabina di regia su tutte le funzioni che hanno una proiezione sul cliente: dalla R&D, al customer care, dalle ricerche di mercato al CRM. Il marketing deve avere un ruolo guida nel ripensare target di clientela, promuovere l’innovazione di prodotto, valorizzare segmenti di clientela non pienamente serviti.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Going Global Global

51

Sotto il profilo operativo questo significa: • comprendere il proprio mercato reale (non tanto l’aggregato formale di tutti i clienti potenziali) • capacità di acquisire un posizionamento all’interno di catene del valore ‘ibride’ • superare i limiti conoscitivi di mercati lontani attraverso strumenti di intelligence e di piattaforme per il dialogo con la clientela • ridurre il gap di sintonia tra domanda ed offerta • individuare i clienti a più alto potenziale commerciale. Questo nuovo approccio implica l’introduzione di un nuovo sistema di misurazione dei risultati. Figura 25 Il nuovo sistema di misurazione dei risultati

Prima

Dopo

Redditività di prodotto

Redditività di cliente

Vendite correnti

Lifetime value del cliente

Brand Equity

Valore del cliente

Quota di mercato

Quota di valore del cliente

Fonte: KPMG Advisory

La stessa area vendite, che si occupa delle politiche distributive e commerciali, più adatta a soddisfare le esigenze del mercato, è coinvolta in questo stesso processo di cambiamento. In particolare le vendite sono chiamate sempre di più a creare e governare ‘ecosistemi’ di partnership. Figura 26 Gli obiettivi e le attività dell’area vendite

Identificazione della struttura distributiva

Scelta dei canali da utilizzare

Definizione della politica commerciale

Creazione di sinergie

Gestione operativa

Fonte: KPMG Advisory

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

52

Going Going Global Global

Un canale distributivo sottoutilizzato: l’e-commerce Come fare a raggiungere clientela potenziale in mercati geograficamente così lontani, sfruttando canali distributivi efficaci ma non troppo costosi? Si tratta di un tema cruciale, soprattutto per molte PMI. Recenti studi evidenziano come le imprese online-attive, quelle cioè in grado di sfruttare il web per promuovere iniziative di marketing virtuale e vendere in rete i propri prodotti, hanno sperimentato una crescita dell’1,2% del fatturato, nonostante la crisi. Inoltre per le imprese che hanno una presenza attiva, l’e-commerce incide per il 15% dei ricavi complessivi provenienti da vendite all’estero. Per contro, le imprese che non sfruttano le opportunità della nuova economia digitale (offline) o che si sono limitate ad avere una vetrina web priva di contenuti aggiuntivi (online) hanno evidenziato un calo complessivo del fatturato e un’incidenza inferiore del commercio estero sui propri volumi. Eppure nonostante le sue enormi potenzialità, il canale e-commerce è ancora sottoutilizzato in Italia. A livello europeo, infatti, le nostre imprese realizzano solo il 5% dei propri fatturati tramite l’e-commerce, a fronte di una media europea del 14%. Un ritardo che deve essere colmato al più presto, soprattutto dalle PMI, intimorite più culturalmente piuttosto che dalla reale consistenza dell’investimento richiesto. Ma è chiaro che per fare e-commerce in modo efficace non basta un sito vetrina. Servono partner in grado di gestire i processi di delivery, la sicurezza delle transazioni, processi interni focalizzati sul customer relationship management. Ma il tempo dell’'azienda Italia' online è ormai arrivato.

Grafico 16

Variazione media del fatturato negli ultimi 3 anni (%) 1,2%

-2,4% -4,5% Online-attive

Online

Offline

Online-attive: possiedono un sito ed effettuano attività di marketing virtuali o di e-commerce Fonte: questionario PMI BCG

Grafico 17

Incidenza delle vendite internazionali sulle vendite totali (%) 14,7%

7,7% 4,1%

Online-attive

Online

Offline

Online-attive: possiedono un sito ed effettuano attività di marketing virtuali o di e-commerce Fonte: questionario PMI BCG

Grafico 18

Quota di fatturato delle imprese realizzato attraverso e-commerce nei paesi UE27, 2010 24% 21% 19% 18% 18% 17% 18% 18% 18% 17% 16% 14%14%13% 13%12% 11% 11% 10% 9% 9% 8%

UE27 14% 7%

5% 4%

2% 1%

IE NO CZ IS SE DE FI BE DK UK HU NL LT FR AT PT ES SK SI EE HR PL LV IT RO BG CY

Fonte: Eurostat

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Going Global Global

Organizzazione e Innovazione Manageriale

53

05

Negli ultimi anni, il contesto di riferimento mutevole e l’accelerazione del ritmo del cambiamento hanno prodotto profondi cambiamenti nelle pratiche di business. Le imprese hanno cercato di innovare e adeguarsi ai cambiamenti in atto, ottimizzando i propri modelli operativi, sviluppando nuovi prodotti e servizi sempre più in linea con le richieste del mercato e modificando le loro strategie. Tuttavia, è frequente rilevare come molte pratiche attuali di management siano cambiate pochissimo rispetto a quelle che governavano la vita delle imprese uno o due decenni fa. Eppure, in un mondo complesso come quello attuale, l’innovazione manageriale avrebbe la particolare capacità di creare vantaggi competitivi difficilmente replicabili e duraturi3. Se dovessimo organizzare le possibili forme d’innovazione in una gerarchia, nella quale i livelli più alti corrispondono a livelli più elevati di creazione di valore e difendibilità competitiva, l’innovazione manageriale si posizionerebbe al vertice.

È necessario un cambio di paradigma profondo, che spinga le aziende ad allargare i processi d’innovazione in atto fino ad includere anche l’ambito manageriale e organizzativo

Le altre innovazioni, infatti, pur garantendo alle aziende delle valide leve per sostenere la competizione internazionale, sono accomunate dalla scarsa capacità di generare un vantaggio competitivo di lungo periodo e i benefici che consentono di raggiungere possono essere erosi velocemente dai cambiamenti tecnologici o replicati da altre aziende, perdendo il loro carattere esclusivo. Inoltre, i cicli di vita delle strategie si stanno accorciando e i modelli di business sono più facili da decodificare e contrattaccare rispetto ad un’innovazione manageriale. Quest’ultima è anche la più difficile da raggiungere, perché mette in discussione lo status quo.

3 Il futuro del management, Gary Hamel, ETAS.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

54

Going Going Global Global

Figura 27

La piramide dell’innovazione e il vantaggio competitivo

Innovazione manageriale/ organizzativa Innovazione strategica

Innovazione di prodotto/servizio Innovazione operativa Fonte: Il futuro del management, Gary Hamel, ETAS

Il modello manageriale command & control è ormai inadeguato: per gestire la complessità servono delle logiche di rete con team autonomi ma interconnessi

Con innovazione manageriale va inteso tutto ciò che altera sostanzialmente il modo in cui si esercita il lavoro del management o modifica significativamente le forme organizzative tradizionali e così facendo promuove il perseguimento degli obiettivi aziendali. Il modello manageriale di riferimento è figlio di logiche command & control che hanno portato a un appesantimento e a un processo di normalizzazione del capitale umano e intellettuale delle aziende. Tuttavia, il paradigma manageriale basato su ‘controllo ed efficienza’ risulta ormai inadeguato per confrontarsi con la complessità che caratterizza la società postmoderna. L’aspetto più drammatico è che questo modello è diventato ormai pervasivo e rappresenta il canone manageriale di riferimento. Quasi tutte le aziende hanno gerarchie, procedure standardizzate, sistemi di pianificazione e controllo, modelli di reporting, criteri di gestione delle risorse umane più o meno comparabili. La creatività, l’imprenditorialità, lo spirito di adattamento che sono poi i veri fattori di successo di un’impresa nell’attuale scenario competitivo e il prerequisito dell’innovazione, vivono una situazione di apartheid cognitivo. Occorre riportare le persone al centro delle organizzazioni, permettere loro di intraprendere, di dare un contributo positivo di idee e di energie positive. Negli ultimi anni si è assistito ad un’involuzione nel ruolo dei manager che si sono trasformati in burocrati, figure più preoccupate di osservare regole formali e procedure, piuttosto che di valorizzare il capitale umano a loro disposizione, responsabili di un enorme spreco di potenziale. Il modello di management a cui tendere punta, invece, all’annullamento delle gerarchie, tramite organizzazioni piatte, flessibili e aperte, pensate secondo logiche di comunicazione a rete, che prevedono un super riconoscimento delle idee a maggior valore aggiunto, con tanti piccoli team autonomi ma interconnessi che sono responsabilizzati sulla ricerca dell’innovazione. Figura 28

L’agenda di lavoro per innovare l’organizzazione manageriale

Mettere in discussione lo status quo

Introdurre sistemi premianti che siano in grado di riconoscere e premiare le persone più creative

Finanziare senza pregiudizi le idee più innovative, investendo sul futuro

Sperimentare l’innovazione anche aprendosi al rischio di errori e fallimenti. Per cambiare bisogna osare

Promuovere forme di accountability, ossia di responsabilità del management, legate al risultato raggiunto

Fonte: Il futuro del management, Gary Hamel, ETAS

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Going Global Global

55

I cambiamenti di scenario evidenziano spesso i limiti delle strutture organizzative esistenti. Occorre saper interpretare una serie di segnali, quali: • stile di management troppo prudenziale • incapacità di prioritizzare le iniziative • perdita di velocità nell’attuazione dei progetti lanciati • inattitudine a gestire relazioni internazionali. Per uscire da una situazione di stallo organizzativo occorre ridisegnare la propria azienda, essenzialmente lungo due dimensioni: l’organizzazione e le risorse umane. Figura 29 Principali requisiti per competere Organizzazione (disegnare una struttura organizzativa internazionale bilanciata)

• • • •

veloce semplice chiara trasparente

Persone (sviluppare un gruppo di talenti che operi a livello globale)

• • • • • •

cultura internazionale motivazione flessibilità formazione riconoscimento managerialità

Fonte: KPMG Advisory

La revisione del modello organizzativo è un processo complesso, ma che una volta attuato consente importanti recuperi di competitività. Figura 30 Linee guida per rinnovare la propria organizzazione Focus su vision e obiettivi di cambiamento • definire le priorità Definire le priorità • identificare i ruoli chiave per promuovere il cambiamento Identificare i ruoli chiave promuovere • definireper i necessari illivelli cambiamento di delega e autonomia i necessari • Definire formalizzare le core livelli di delega e competence autonomia necessarie Formalizzare le core competence necessarie

Audit organizzativo

Cambiare la squadra

• identificare i gap • sostituire Identificare i gap Sostituire • identificare i trade off • comunicare costi-benefici necessari al cambiamento • formare Identificare i trade off costi-benefici Comunicare •necessari formalizzare al il nuovo scenario organizzativo cambiamento e gli investimenti correlati Formalizzare il nuovo scenario organizzativo Formare e gli investimenti correlati

Allineare i sistemi di valutazione Coinvolgere tutti dal vertice alla base nel processo di valutazione Identificare indicatori semplici e chiari di performance Valutare con frequenza

Premiare chi esegue

Fonte: KPMG Advisory

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

56 56

Going Going Global Global

KPMG: dalla teoria alla pratica Evoluzione dei modelli di business: le aree chiave 01.

OPERATIONS

02.

FINANCE

03.

ICT

04.

MARKETING

05. ORGANIZZAZIONE

Nuovi modelli logistici, ridefinizione dei processi per la gestione della liquidità, ingresso in nuovi mercati, introduzione di nuove piattaforme tecnologiche, change & risk management. Internazionalizzarsi significa affrontare una serie di discontinuità. Per tradurle in opportunità di crescita, occorre avviare complessi processi di business transformation.

Grazie ad un approccio pragmatico che punta a fornire risultati misurabili in tempi brevi, KPMG semplifica la complessità legata ai processi di internazionalizzazione, determinando un cambiamento positivo in termini di efficacia di comportamenti ed efficienza dei processi organizzativi.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Going Global Global

57

Country Focus

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

58 58

Going Global

Market entry strategy Per entrare con successo in un nuovo mercato serve una comprensione profonda del paese in cui si decide di investire. Si devono studiare in modo approfondito: le dimensioni del mercato e il suo potenziale di crescita; il contesto concorrenziale; la regolamentazione; i driver che guidano la domanda e i suoi possibili sviluppi futuri; gli aspetti legali e fiscali. La strategia d’ingresso su un nuovo mercato, se ben eseguita, può essere la chiave che permette di governare in modo efficace la crescita dell’azienda in quel paese. In quest’ottica, questa analisi diventa un potente strumento di governance e di controllo del business. KPMG in particolare segue un approccio quantitativo data driven che permette di avere una visione a 360°. In particolare l’approccio KPMG punta a tradurre le informazioni in conoscenza reale a supporto delle scelte operative, privilegiando sempre la semplicità. Figura 31 Le fasi di una strategia d'ingresso al mercato I

Scelta del mercato e della modalità d'ingresso

II

Preparazione per l'ingresso nel mercato

Valutazione del mercato

III

Implementazione

Acquisizione

• previsione della domanda

• identificazione e profilazione del target

• approccio al target

• analisi della catena del valore

• prioritizzazione del target: elenco lungo,

• due diligence preliminare

• indagini sui bisogni ed i comportamenti

elenco breve e classifica

• due diligence dettagliata • valutazione, negoziazione dell'accordo, strutturazione fiscale

dei consumatori • analisi di canale

• chiusura/integrazione

• analisi dei rischi • mappatura del contesto normativo • analisi delle barriere all'entrata • disponibilità delle risorse • analisi dei costi Valutazione delle capacità interne

Alleanze/Joint Venture • identificazione e selezione dei partner

• valutazione e pianificazione

• valutazione del potenziale di crescita e delle sinergie

• chiusura e implementazione

• pianificazione operativa

• integrazione

Greenfield

• competenze interne • pianificazione aziendale/strategica

• sviluppo del business plan

• implementazione del business plan

• analisi SWOT

• selezione della location/sito, prodotto, etc.

• pianificazione e progettazione operativa

• costruire un modello finanziario

• approvvigionamento

• pianificazione operativa

• acquisto e/o costruzione degli immobili

• incentivi e struttura fiscale

• assunzione del personale

• preparazione della tabella di marcia

• pianificazione e controllo del roll-out

Selezione del mercato e posizionamento • mappare le competenze interne rispetto alle opportunità di mercato • prioritizzazione delle opportunità potenziali di mercato

• valutazione della location/identificazione del sito

Valutazione delle opzioni di ingresso • valutazione e prioritizzazione delle opzioni di ingresso (acquisizione, joint venture, etc.) basate sulle valutazioni del mercato e delle capacità interne Fonte: KPMG International © 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Global

59

In particolare il nostro Team supporta l’azienda nei seguenti step: 1. identificazione del mercato di riferimento 2. valutazione di opportunità di sourcing 3. forma dell’investimento (JV, partner locali, acquisizioni) 4. assistenza fiscale 5. business plan 6. identificazione della location. Per supportare al meglio le decisioni d’investimento, KPMG può far leva su un’infrastruttura informativa multidisciplinare e integrata costituita da una serie di fonti informative di eccellenza che permette di avere sia la 'big picture' del quadro di riferimento sia il dettaglio sui diversi aspetti coinvolti nel progetto d’investimento. Figura 32 Le fonti informative disponibili

Enti di ricerca Analisti

Accademici

Esperti del settore

Associazioni di categoria

Rete di esperti esterni

Indicatori economici globali

Indicatori economici nazionali

Banche dati pubbliche

Analisi di mercato

Ricerche di settore

Fonti esterne disponibili

Indicatori economici locali

Ricerche a pagamento

Ricerche KPMG

Operatori del settore/Stakeholder Concorrenti

Fornitori

Governo/ quadro regolamentare

Distributori Consumatori

Fonte: KPMG International

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

60 60

Going Global

Focus Brasile: il futuro è adesso Considerata per molti anni come una 'superpotenza del futuro', una realtà promettente che deve dispiegare pienamente il suo potenziale, oggi per il Brasile, questo futuro sembra finalmente arrivato. Negli ultimi dieci anni, infatti, oltre 45 milioni di brasiliani sono entrati a far parte della classe media. Una nuova classe di consumatori che già oggi è un potente driver per lo sviluppo di un moderno mercato dei consumi di massa nel Paese. Il raggiungimento della stabilità politica e la tenuta delle finanze pubbliche ha permesso al Brasile di ottenere per il secondo anno consecutivo un upgrade del merito di credito da parte delle agenzie di rating (Fitch nell’aprile di quest’anno ha promosso il rating del Brasile da BBB- a BBB+). Le previsioni sull’andamento del PIL per i prossimi anni confermano lo sviluppo sostenuto dal Paese, con tassi di crescita tra il 4% e il 5%. Grafico 19

Evoluzione del PIL 1.600

Numeri chiave

1.400

6,1% 5,1%

miliardi di Real

1.200 1.000

894

800 3,1%

929

986

1.035

1.113

1.163 4,5%

1.216

1.275

4,6% 4,8%

1.336 7% 6% 4,8%

1.037

5% 4%

3,9%

3%

600

2%

400

1% -0,2%

200

% rispetto all'anno precedente

Popolazione: 193,3 milioni PIL nominale: 1.986 miliardi US$ Tasso d'inflazione: 5% Tasso di disoccupazione: 7% Sistema politico: Repubblica Federativa, presieduta dal gennaio 2011 da Dilma Rousseff Membro: Mercosur, OAS e ONU Moneta: Real Superficie: 8.514.876 km² Capitale: Brasilia Principali città e relativa popolazione: San Paolo (11 Mln), Rio de Janeiro (6,1 Mln), Salvador (2,9 Mln), Brasilia (2,6 Mln), Fortaleza (2,5 Mln), Belo Horizonte (2,4 Mln)

8%

7,5%

0%

0

-1% 2005

2006

2007

2008

PIL reale

2009

2010 2011* 2012* 2013* 2014* Tasso di crescita del PIL

Note:* valori stimati Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati EIU

La crescita è trainata dalla domanda interna, che beneficia dell’andamento positivo del mercato del lavoro, dell’ampliamento della classe media brasiliana e dell’incremento dei redditi personali disponibili.

Fonte: EIU, ICE, KPMG International, SACE, Istat

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Grafico 20

Evoluzione del reddito personale disponibile e tasso di disoccupazione 3.500 3.000

3.153 2.897

9,8%

miliardi di Real

2.500

9,3%

2.000 1.500 1.323

1.467

10%

2.658

10,0%

1.640

7,9% 1.865

8,1% 2.029

12%

2.434 2.224 6,6% 6,6%

8% 6,4% 6,5%

7,0%

6% 4%

1.000

2%

500 0

0% 2005

2006

2007

2008

2009

2010 2011* 2012* 2013* 2014*

Reddito personale disponibile Tasso di disoccupazione Note:* valori stimati Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati EIU

Il Paese è caratterizzato da solidi fondamentali economici, tra cui un tasso d’inflazione sotto controllo, in linea con l’obiettivo della Banca Centrale del 4,5% per i prossimi anni.

Grafico 21

Evoluzione dei consumi privati e dell’inflazione 1.000 900

8% 6,9%

800

5,7% 667

miliardi di Real

700 600 500

537

565

712

599

641

4,9% 4,9%

746

783

821

860

6%

4,4%

4,7%

4,5%

4,3% 5% 4%

4,2%

400

7%

3,6%

3%

300

2%

200

1%

100 0

0% 2005 2006

2007

2008

2009

Consumi privati reali

2010 2011* 2012* 2013* 2014* Tasso d'inflazione

Note:* valori stimati Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati EIU

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

62

Going Global

Oltre all’ampliamento della classe media, nei prossimi anni, si prevede che il Brasile beneficerà anche del cosiddetto 'bonus demografico', ossia una sorta di effetto trascinamento guidato dalla progressiva maturazione della popolazione più giovane. L’età media attualmente di 29 anni, salirà a 34 anni nel 2020 e a 38 anni nel 2030. Secondo molti economisti solamente questa evoluzione nella composizione della popolazione per fasce d’età, garantisce al Brasile un tasso di crescita pari al 2,5% del PIL su base annua. Grafico 22

Composizione della popolazione brasiliana per classi di età 2010

2030

>80 75-79 70-74 65-69 60-64 55-59 50-54 45-49 40-44 35-39 30-34 25-29 20-24 15-19 10-14 5-9 0-4 10%

5%

0%

5%

10% Uomini

10%

5%

0%

5%

10%

Donne

Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati Instituto Brasileiro de Geografia e Estatistica (IBGE)

La crescita economica è supportata anche dai notevoli investimenti infrastrutturali effettuati sia a livello pubblico che privato: porti, ferrovie, autostrade, centrali idroelettriche. Il Paese sta vivendo una fase di massicci investimenti. Basti pensare al più grande progetto infrastrutturale di tutta l’America Latina, la costruzione del 'secondo canale di Panama' una bretella terrestre composta da ferrovie e autostrade che collegherà la costa pacifica e quella atlantica, permettendo il trasporto di merci tra Cina e Brasile. A questo si deve aggiungere l’enorme potenziale di due eventi sportivi globali che nei prossimi anni catalizzeranno l’attenzione dell’intero pianeta proprio sul Brasile: i Mondiali di calcio del 2014 e le Olimpiadi del 2016. Per gli investitori il vero tema dunque non è tanto se investire in Brasile ma come fare ad entrare con successo in questo enorme mercato potenziale.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Global

63

Tabella 8

Perchè investire in Brasile? Punti di forza

Punti di debolezza

È il quinto paese più popoloso al mondo dopo Cina, India, Stati Uniti e Indonesia

Disuguaglianze nella distribuzione della ricchezza

Stabilità macroeconomica, politica e finanziaria

Sviluppo disomogeneo, concentrato nel Sud e Sud-Est del Paese (con oltre il 73% del PIL)

Misure governative di sostegno all'industrializzazione e alla crescita economica

Crescita della produttività lenta

Crescita economica elevata

Una politica di accesso al mercato del credito tra le più restrittive dell’America Latina

Ampliamento della classe media

Inefficienza della burocrazia

Mercato dei consumi in crescita

Corruzione

Opportunità d'investimento in diversi settori: dal manifatturiero ai servizi

Complessità della normativa del lavoro

Trasporti e canali distributivi sviluppati nelle zone più industrializzate del Paese

Misure protezionistiche a sostegno di diversi settori

Indipendenza energetica

Infrastrutture inadeguate, specie nel Nord del Paese

Fonte: KPMG International

L’Italia è tra i principali partner del Paese. Sono presenti in Brasile già 560 imprese, tra cui: Fiat, Pirelli, Telecom Italia, Campari, Ferrero, Tecnimont, Danieli, Techint, Alma Viva, Mossi e Ghisolfi, Ghella e Impregilo. Le società estere possono operare in Brasile sia direttamente, per mezzo di succursali o filiali, sia indirettamente, per mezzo di affiliate o joint venture. Relativamente al commercio internazionale il processo di apertura del Paese è relativamente recente e le misure protezionistiche che si registrano in taluni settori ritenuti strategici, insieme agli alti dazi esistenti ne sono una diretta conseguenza. Le esportazioni verso il Brasile sono costituite essenzialmente da prodotti della meccanica strumentale, autoveicoli, elettronica, elettrotecnica, prodotti chimici e farmaceutici. La quota delle esportazioni italiane verso il Brasile ha raggiunto l’1,1% nel 2010. Tabella 9

Principali prodotti scambiati tra Italia e Brasile nel 2010 Principali prodotti italiani esportati in Brasile

milioni di Euro

Principali prodotti brasiliani importati in Italia

milioni di Euro

Parti ed accessori per autoveicoli e loro motori

605

Minerali metalliferi ferrosi

716

Altre macchine per impieghi speciali

495

Pasta-carta, carta e cartone

451

Altre macchine di impiego generale

357

Prodotti di colture permanenti

366

Macchine di impiego generale

290

Cuoio, articoli da viaggio, borse, pelletteria e selleria, pellicce

297

Macchine per la formatura dei metalli e altre macchine utensili

216

Prodotti di colture agricole non permanenti

185

Fonte: ICE su dati Istat

I beni di consumo e i prodotti agroalimentari, in cui l’Italia eccelle, hanno ancora un peso piuttosto marginale sulle importazioni brasiliane. Le difficoltà di penetrazione del mercato brasiliano sono legate, oltre che all’incidenza dei dazi doganali, anche alla stratificazione della società brasiliana, costituita in larga parte da una fascia di consumatori dal potere d’acquisto ancora mediobasso. Con riferimento al contributo che il sistema Italia può dare alla crescita del Brasile, i settori ad alto potenziale di crescita sono: le telecomunicazioni, l’energia (tra cui le rinnovabili), le infrastrutture, l’organizzazione dei grandi eventi sportivi dei prossimi anni (Mondiali di calcio 2014, Olimpiadi 2016), la sicurezza, la nautica, le due ruote, le tecnologie medicali/ospedaliere e il comparto del lusso. La meccanica è un settore in cui il nostro Paese è storicamente già presente in Brasile, ma sono ancora disponibili margini di sviluppo inespressi. Il Paese registra in generale un forte bisogno di tecnologie avanzate, dove le imprese italiane possono offrire la loro esperienza. © 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

6464

Going Global

Business country guide: Turchia Grafico 23 Evoluzione del PIL 140

miliardi di Lire Turche

105,1

100

110,2

115,7

121,9

128,6

9% 8% 7%

4,9%

80

5,0%

5,3%

5,5%

6% 5% 4%

60

3%

40

2% 20

% rispetto all'anno precedente

120

8,1%

1% 0%

0 2010

2011*

2012*

PIL reale

2013*

2014*

Tasso di crescita del PIL

Note:* valori stimati Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati EIU

Numeri chiave Popolazione: 73,3 milioni PIL nominale: 722 miliardi US$ Tasso d'inflazione: 8,6% Tasso di disoccupazione: 12% Sistema politico: Repubblica Parlamentare Membro: Consiglio d'Europa, EBRD, NATO, OECD, OCI, ONU e OSCE Moneta: Lira Turca N° imprese italiane presenti: 750 Esportazioni italiane, quota di mercato Turchia (2010): 2,4%

A partire dal 1999, il governo turco ha attuato un programma di risanamento economico concordato con il FMI, conseguendo importanti risultati che hanno contribuito a rendere l’economia turca sempre più stabile e robusta. Lo sviluppo economico del Paese è stato favorito anche dall’attuazione d’importanti riforme strutturali, riguardanti gli investimenti esteri, la normativa sulla creazione d’impresa e il lancio di un fitto programma di privatizzazioni. A partire dall’ultimo trimestre del 2009, il Paese ha ricominciato a crescere a ritmi sostenuti e si stima che, nei prossimi anni, i tassi di sviluppo andranno oltre il 5% annuo. Nonostante il Paese goda di ottime prospettive macroeconomiche, restano aperte alcune sfide per il futuro: • una riforma fiscale che alleggerisca il carico degli oneri (il progetto di una 'fiscal rule' è attualmente fermo) • una gestione più cauta dei tassi di interesse, il cui andamento ha prodotto un effetto altalenante sul valore della lira turca negli ultimi anni • il controllo dell’inflazione • la creazione di un mercato del lavoro più flessibile ed efficiente, per arginare il livello di disoccupazione • la riduzione dell’economia sommersa • la prevenzione di situazioni politiche instabili

Fonte: EIU, ICE, KPMG International, SACE, Istat

• la lotta alla corruzione.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Global

65

Il grado di apertura della Turchia al commercio internazionale è elevato. Il Paese ha un sistema produttivo trainato dalle esportazioni, che a sua volta si alimenta grazie alle importazioni di beni d’investimento e intermedi. Le esportazioni turche sono principalmente composte da beni di consumo e da beni intermedi. Le importazioni del Paese sono, invece, costituite essenzialmente da beni di investimento e intermedi, seguiti a lunga distanza da beni di consumo. Tabella 10

Principali prodotti scambiati tra Italia e Turchia nel 2010 Principali prodotti italiani esportati in Turchia

milioni di Euro

Principali prodotti turchi importati in Italia

milioni di Euro

Prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio

836 Autoveicoli

1.152

Altre macchine per impieghi speciali

816 Articoli di abbigliamento, escluso l'abbigliamento in pelliccia

452

Parti ed accessori per autoveicoli e loro motori

623 Altri prodotti tessili

255

Prodotti chimici di base (fertilizzanti, materie plastiche e gomma sintetica in forme primarie)

433 Parti ed accessori per autoveicoli e loro motori

230

Autoveicoli

416 Metalli di base preziosi e altri metalli non ferrosi, combustibili nucleari

201

Fonte: ICE su dati Istat

Le esportazioni italiane in Turchia, concentrate in buona parte nei beni strumentali, potrebbero risentire solo marginalmente della crisi sperimentata dal sistema industriale turco. Quest’ultimo, pur colpito dalla crisi, dovrà continuare nei processi d’innovazione, aumento della produttività e miglioramento della qualità, che possono essere ottenuti attraverso l’acquisizione d’impianti e tecnologie avanzate, in cui l’Italia è leader. Nei prossimi anni i nuovi settori in espansione nel Paese saranno: le tecnologie per il territorio, le infrastrutture, la protezione ambientale, le energie rinnovabili. Le imprese italiane sono presenti nel Paese in diversi settori: nel bancario con Unicredit; nel settore energetico con Eni, Edison, Italgen (Italcementi); nel settore infrastrutturale con Ansaldobreda, Astaldi, Ansaldo STS, Lucchini e Selex Sistemi Integrati. Inoltre, l’Italia è presente con Pirelli, Candy, Indesit, Fiat, Beretta, Bialetti, Zegna, Artsana, Ferrero, Barilla, Perfetti Van Melle, Menarini, Recordati, Cementir e Italcementi.

In pillole: fisco, importazioni, investimenti Individual tax: 15% - 35% Corporate tax (valore massimo): 20% Imposta sul valore aggiunto (valore massimo): 18% Sdoganamento: dal 1996 il Paese ha sottoscritto l'Accordo di Unione Doganale con i paesi UE Importazioni: restrizioni simili a quelle comunitarie (armi, materiali radioattivi, materie esplosive, etc.) Investimenti esteri: gli investitori stranieri possono acquisire fino al 100% del capitale in tutti i settori, ad eccezione delle telecomunicazioni, dell'energia e della difesa. Gli imprenditori stranieri possono costituire in Turchia sia filiali che società di capitale, senza dover più chiedere autorizzazioni speciali (ad eccezione delle S.p.A. nei settori assicurativi, bancari e finanziari) Fonte: Assocamerestero, KPMG International

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

6666

Going Global

Business country guide: Vietnam Grafico 24 Evoluzione del PIL 800.000 700.000

miliardi di Dong

551.609

590.280

7,1% 632.354

7,3%

7,3%

8%

678.282

727.837

7% 6%

500.000

5%

400.000

4%

300.000

3%

200.000

2%

100.000

1%

0

0% 2010

2011*

2012*

2013*

% rispetto all'anno precedente

600.000

7,0% 6,8%

2014*

PIL reale Tasso di crescita del PIL Note:* valori stimati Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati EIU

Numeri chiave

Nel 1986 il Paese ha avviato un programma di riforme, volto a creare un’economia socialista orientata al mercato. Questo progetto ha permesso al Vietnam di conseguire costantemente elevati tassi di crescita economica, rallentati solo parzialmente dagli effetti della crisi asiatica del 1998-1999 e della crisi globale del 2008-2009. Un decisivo impulso all’accelerazione delle riforme e all’apertura dell’economia è arrivato nel 2007, con l’ingresso del Paese nell’Organizzazione Mondiale del Commercio, che ha contribuito a confermare l’immagine del Vietnam come destinazione attraente per gli investimenti esteri.

Popolazione: 87,8 milioni PIL nominale: 103,8 miliardi US$ Tasso d'inflazione: 9% Tasso di disoccupazione: 4,4% Sistema politico: Repubblica Socialista Membro: ASEAN e ONU Moneta: Dong Vietnamita N° imprese italiane presenti: 52 Esportazioni italiane, quota di mercato Vietnam (2010): 0,2%

Il quadro macroeconomico del Paese appare positivo, tanto che nei prossimi anni le stime di crescita del PIL si attestano su valori prossimi al 7% annuo, seppur con la presenza di alcune sfide aperte che il governo deve gestire.

Fonte: EIU, ICE, KPMG International, SACE, Istat

• la scarsa trasparenza del mercato azionario

A seguito delle politiche espansive messe in atto per sostenere il Paese durante la crisi, il governo e la banca centrale vietnamita hanno dovuto attuare un’inversione di tendenza per gestire gli squilibri economici creati, relativi soprattutto all’inflazione e al saldo commerciale. Le manovre restrittive stanno avendo l’effetto desiderato di riassestare gli squilibri esistenti, ma con la conseguenza di rallentare la crescita economica. Le principali sfide che riguardano lo sviluppo futuro del Paese sono: • la gestione del trade-off tra stabilità macroeconomica e crescita, seguendo una politica monetaria prudente • l’opportunità di modificare il regime dei tassi di cambio, abbandonando l’attuale svalutazione controllata nei confronti del dollaro statunitense, per basarsi invece su un paniere di valute • lo sviluppo del settore finanziario, ancora scarsamente evoluto e con un elevato livello di frammentazione

• la progressiva privatizzazione di alcuni settori

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Global

67

• lo sviluppo infrastrutturale • la lotta alla corruzione. Negli ultimi vent’anni il Vietnam si è progressivamente integrato nei flussi del commercio internazionale. A seguito dell’ingresso nell’OMC, il Paese ha assunto importanti impegni nella liberalizzazione dei servizi, nella riduzione delle barriere agli scambi, nella protezione della proprietà intellettuale e nello smantellamento del sistema di aiuto alle imprese di stato. Restano tuttavia alcune aree di applicazione in cui il rispetto degli impegni è più lento e la normativa poco chiara, inoltre, gli investitori esteri lamentano l’eccessiva burocratizzazione, la mancanza di trasparenza nelle procedure amministrative e l’assenza di una regolamentazione commerciale chiara e organica. Le esportazioni vietnamite sono composte, principalmente, da beni di consumo, quali tessile, abbigliamento e accessori, unitamente ai prodotti agricoli e ittici e ai mobili. Le importazioni del Paese sono, invece, costituite essenzialmente da beni durevoli, mezzi di trasporto, apparecchiature strumentali e materie prime di cui il Paese necessita.

In pillole: fisco, importazioni, investimenti

Tabella 11

Principali prodotti scambiati tra Italia e Vietnam nel 2010 Principali prodotti italiani esportati in Vietnam

milioni di Euro

Principali prodotti vietnamiti importati in Italia

milioni di Euro

Mezzi di trasporto n.c.a. (non classificati altrimenti)

93 Calzature

238

Altre macchine per impieghi speciali

65 Prodotti di colture permanenti

139

Prodotti chimici di base (fertilizzanti, materie plastiche e gomma sintetica in forme primarie)

56 Pesce, crostacei e molluschi lavorati e conservati

108

Cuoio, articoli da viaggio, borse, pelletteria e selleria, pellicce

46 Articoli di abbigliamento, escluso l'abbigliamento in pelliccia

90

Navi e imbarcazioni

42 Apparecchiature per le telecomunicazioni

46

Fonte: ICE su dati Istat

I consumatori vietnamiti sono ancora dotati di un potere d’acquisto limitato, seppur in continua crescita, pertanto le opportunità più immediate si concentrano nei settori delle materie prime e della meccanica (meccanizzazione dell’agricoltura, tecnologie della trasformazione alimentare e del packaging). Tra i settori particolarmente promettenti emergono anche la cosmesi, i materiali da costruzione e le forniture di beni e servizi per alberghi e altre strutture turistiche. Inoltre, dato il progressivo processo di terziarizzazione che sta interessando il Paese, altre opportunità riguarderanno: il settore finanziario, il commercio, i trasporti, il turismo, l’ambiente e le costruzioni. Le imprese italiane sono presenti nel Paese principalmente nel settore manifatturiero. Il livello degli investimenti diretti italiani è ancora molto contenuto: oltre al gruppo Piaggio, tra i maggiori investitori, si segnalano i gruppi Perfetti Van Melle, Merloni Termosanitari, Mapei e Bonfiglioli.

Individual tax: 5% - 35% Corporate tax (valore massimo): 25% Imposta sul valore aggiunto (valore massimo): 10% Sdoganamento: procedure doganali complicate, discrezionali e con tempi difficilmente prevedibili Importazioni: si applicano sia barriere tariffarie che non tariffarie, inoltre, esistono delle accise per diversi beni, tra cui i veicoli e gli alcolici Investimenti esteri: la mancanza di trasparenza delle procedure amministrative, l'eccessiva burocratizzazione e la diffusa corruzione restano un impedimento all'attività degli investitori. D'altra parte il Paese offre degli incentivi per attrarre investimenti dall'estero. Le società estere possono operare nel Paese sotto forma d'impresa a capitale interamente straniero, di joint venture o di contratto di cooperazione commerciale, oppure aprendo delle filiali Fonte: Assocamerestero, KPMG International

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

6868

Going Global

Business country guide: Sudafrica Grafico 25 Evoluzione del PIL

1.834

1.903

2.070

4,8%

miliardi di Rand

6% 5%

1.600

3,8%

3,7% 1.200 800

2.144

4% 3,6%

3%

2,8% 2%

400

1%

0

% rispetto all'anno precedente

2.000

1.994

0% 2010

2011* PIL reale

2012*

2013*

2014*

Tasso di crescita del PIL

Note:* valori stimati Fonte: elaborazioni Ufficio Studi KPMG Advisory su dati EIU

Numeri chiave Popolazione: 49,1 milioni PIL nominale: 364 miliardi US$ Tasso d'inflazione: 4,1% Tasso di disoccupazione: 24,9% Sistema politico: Repubblica Presidenziale Membro: Unione Africana, ONU, SADC, Commonwealth, associato UE Moneta: Rand (ZAR) N° imprese italiane presenti: 37 Esportazioni italiane, quota di mercato Sudafrica (2010): 0,4% Fonte: EIU, ICE, KPMG International, SACE, Istat

Dopo la forte contrazione verificatasi nel 2009, a seguito della crisi economica internazionale, il Sudafrica ha ricominciato a crescere intorno al 3% nel 2010 e si stima che nei prossimi anni sarà interessato da uno sviluppo prossimo al 4%. La ripresa dell’economia sudafricana è trainata dalle esportazioni. In particolare, alla crescita dell’export contribuisce sia il comparto manifatturiero che quello delle materie prime (risorse minerarie), legato alla rinnovata attività economica internazionale che ha stimolato la ricostituzione delle scorte. Il contributo alla crescita apportato dalla domanda interna è invece ancora limitato: nonostante il taglio dei tassi d’interesse attuato nel 2009, sono aumentati il livello d’indebitamento delle famiglie e la disoccupazione, salita al 25%. Per favorire la crescita, è quindi necessario che il governo continui a sostenere l’economia con politiche fiscali e monetarie espansive, accompagnate da consistenti investimenti infrastrutturali, specie nel campo energetico, nei trasporti e nei servizi sociali. Contemporaneamente, le direttive di politica macroeconomica devono però garantire un’attenta gestione del debito e delle pressioni inflazionistiche. Il Paese possiede significativi potenziali di crescita, grazie a un sistema finanziario sviluppato e solido, un sistema legale efficiente, adeguate infrastrutture di telecomunicazione e trasporto e un costo del lavoro più basso rispetto a quello di altri paesi industrializzati, il tutto sostenuto da politiche macroeconomiche credibili ed efficaci. Restano tuttavia aperte alcune sfide, prioritarie per un ulteriore sviluppo del Paese: • ridurre la disoccupazione, attraverso riforme volte ad aumentare il grado di assorbimento del mercato del lavoro • continuare a investire nel settore pubblico e privato (infrastrutture energetiche e trasporti, servizi sociali, etc.) • gestire l’aumento degli scioperi (specie in alcuni settori, come il minerario, i trasporti, le costruzioni e le telecomunicazioni)

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Going Global

69

• aumentare il tasso di risparmio • migliorare l’istruzione • abbassare l’alto livello di criminalità • affrontare i problemi sanitari che affliggono il Paese (AIDS). Il Sudafrica si è sostanzialmente aperto al commercio internazionale a partire dal 1994, una volta terminato l’isolamento commerciale attuato dalla comunità internazionale durante il regime dell’apartheid. Da allora il Paese ha liberalizzato considerevolmente il proprio regime commerciale, in precedenza fortemente caratterizzato da protezioni tariffarie e non, finalizzate a promuovere l’industria nazionale. Il processo di liberalizzazione ha portato una progressiva razionalizzazione dei dazi doganali, nonostante alcuni settori, ritenuti strategici (bancario e automobilistico), mantengano un elevato livello di protezione. Le esportazioni sudafricane riguardano principalmente le materie prime, soprattutto i prodotti metallurgici e quelli che provengono dalle cave o prodotti derivanti dalla pesca. Le importazioni riguardano invece prevalentemente beni d’investimento e intermedi di cui il Paese necessita (macchine, prodotti chimici e farmaceutici). Tabella 12

Principali prodotti scambiati tra Italia e Sudafrica nel 2010 Principali prodotti italiani esportati in Sudafrica

milioni di Euro

Principali prodotti sudafricani importati in Italia

milioni di Euro

Prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio

143 Metalli di base preziosi e altri metalli non ferrosi; combustibili nucleari

778

Altre macchine di impiego generale

122 Prodotti della siderurgia

356

Altre macchine per impieghi speciali

113 Antracite

295

Macchine di impiego generale

96 Minerali metalliferi ferrosi

74

Medicinali e preparati farmaceutici

81 Pesce, crostacei e molluschi lavorati e conservati

57

Fonte: ICE su dati Istat

I settori produttivi considerati prioritari per il mercato sudafricano e quindi particolarmente promettenti per eventuali investimenti da parte italiana, riguardano il comparto agro-industriale, energetico, chimico-farmaceutico, automobilistico, trasporti, minerario e turistico. Negli ultimi anni sono state realizzate iniziative di delocalizzazione produttiva di medio-grandi imprese italiane in Sudafrica soprattutto nei settori siderurgia, meccanica e costruzioni. Tra i maggiori investitori italiani si segnala: Duferco, Tenova, Fiat, Agusta, Fincantieri, Impregilo, Officine Maccaferri, Magneti Marelli, Pirelli Tyre, Ferrero, Parmalat, Luxottica e Safilo.

In pillole: fisco, importazioni, investimenti Individual tax: 18% - 40% Corporate tax (valore massimo): 35% Imposta sul valore aggiunto (valore massimo): 14% Sdoganamento: numerose procedure e restrizioni regolano l'ingresso delle merci nel Paese, nonostante il sistema sia stato semplificato e razionalizzato al fine di adeguarlo ai requisiti previsti in sede di WTO Importazioni: ogni anno viene aggiornato l'elenco delle merci per cui è richiesta la licenza d'importazione (barriere non tariffarie). Tuttavia, negli ultimi anni questa forma di restrizione è stata limitata, a favore di barriere di tipo tariffario Investimenti esteri: gli investitori stranieri godono dello stesso trattamento di quelli locali e possono operare in tutte le aree merceologiche, ad eccezione di sicurezza e difesa e con alcune limitazioni nel settore bancario e automobilistico. Le società estere possono operare nel Paese tramite società sussidiarie o filiali, queste ultime sottoposte all'obbligo di registrazione Fonte: Assocamerestero, KPMG International

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

70

Going Global

Come possiamo aiutarvi: Global Reach Local Knowledge

KPMG è una delle principali organizzazioni di servizi professionali alle imprese a livello internazionale. Il Network KPMG, infatti, è attivo in 150 paesi del mondo con oltre 138 mila professionisti. In particolare, l'obiettivo di KPMG, è quello di trasformare la conoscenza in valore per i clienti grazie ad una vasta gamma di servizi multidisciplinari forniti secondo standard etici, comportamentali e di servizio omogenei a livello globale. Presente da oltre 50 anni in Italia, con oltre 3 mila professionisti e quasi 5 mila clienti, il Network KPMG è oggi la prima piattaforma di servizi professionali alle imprese nel nostro Paese. È presente con 28 uffici in tutte le principali città italiane, da Bolzano a Palermo, tramite un network di società che svolgono attività di revisione e organizzazione contabile, management consulting, servizi fiscali, legali ed amministrativi. La presenza capillare sul territorio, è un elemento distintivo del Network italiano di KPMG ed ha l’obiettivo di garantire la 'prossimità' con il mondo delle imprese. Grazie a questo modello organizzativo la formula 'globale e locale' si traduce in effettiva qualità del servizio. Le migliori best practice internazionali, infatti, sono ripensate ed adattate alle specificità ed ai bisogni delle imprese sul territorio. KPMG mette a disposizione delle aziende un portafoglio di servizi davvero unico che permette di semplificare la complessità legata ai processi d’internazionalizzazione: strategie, M&A e corporate finance, transaction services, post deal integration, joint venture e partnership, business effectiveness & change management, piattaforme tecnologiche, risk & financial management, process outsourcing, revisione ed organizzazione contabile, tax & legal.

Per chi vuole diventare veramente globale, KPMG è una scelta naturale. © 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

© 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati.

Contact us KPMG’s Consumer & Industrial Markets Leadership Team

Advisory

Audit

Consumer & Industrial Markets:

Industrial Markets:

Roberto Giovannini [email protected]

Domenico Bellini [email protected]

Industrial Markets:

Consumer Markets:

Giancarlo Barbeni [email protected]

Wah Meng Gan [email protected]

Consumer Markets:

Luigi Garavaglia [email protected]

Maurizio Castello [email protected] Milano:

Tax & Legal

Luca Falessi [email protected]

Richard Murphy [email protected]

Torino:

Carlo Bruno Strocco [email protected] Verona:

Gianni Presotto [email protected] Bologna:

Andrea Bontempi [email protected] Roma:

Massimiliano Calogero [email protected]

Corporate Finance: Maximilian Fiani [email protected]

ICT: Felice Cesana [email protected]

kpmg.com/it

Le analisi contenute in questo volume sono state condotte su dati e informazioni pubblicamente disponibili, di cui KPMG Advisory S.p.A. non attesta né garantisce l’accuratezza, la completezza e la correttezza. Questo volume non rappresenta un’offerta di vendita né una sollecitazione all’acquisto di alcun servizio né vuole fornire alcun suggerimento o raccomandazione operativa o in termini di investimento. KPMG Advisory S.p.A. non si assume alcuna responsabilità per la perdita o i danni che potrebbero derivare dall’uso improprio di questo volume o delle informazioni ivi contenute. © 2011 KPMG Advisory S.p.A. è una società per azioni di diritto italiano e fa parte del network KPMG di entità indipendenti affiliate a KPMG International Cooperative ('KPMG International'), entità di diritto svizzero. Tutti i diritti riservati. Denominazione e logo KPMG e 'cutting through complexity' sono marchi e segni distintivi di KPMG International. Stampato in Italia: settembre 2011

Loading...

Going Global - KPMG

ADVISORY Going Global Internazionalizzazione ed evoluzione dei modelli di business Una priorità per le imprese italiane kpmg.com/it © 2011 KPMG Ad...

9MB Sizes 0 Downloads 0 Views

Recommend Documents

TOPSIM – Going Global
Sep 25, 2014 - Rahmen einer Fallstudie Unternehmen in einer fortgeschrittenen ... Fallstudie: Nach einer kurzen Einführ

Pagely Going Global - Pagely®
Nov 4, 2014 - That's why we were excited when Amazon rolled out their new Frankfurt Germany location last week. This bri

Global assignment policies and practices survey - KPMG
Employment law. Social security. Other. Note: Total may not add to 100% due to rounding. Source: KPMG International, GAP

Global transport Market trends and views - KPMG
2015 was far from a strong year on the demand side for most transport and logistics companies. World trade growth averag

Going Global - Publications - Inter-American Development Bank
62 new products - vía exportadora: entrada, supervivencia y diversificación. La pregunta es por qué. En este volumen

Universal Health Coverage Going Global: A
Moving to other private-sector players, Ashoke Bhattacharjya, executive director of global health systems and innovation

Going Global - Publications - Inter-American Development Bank
La iniciativa ConnectAmericas del BID es un paso importante en esta dirección. • Desarrollo de capacidades a la medid

Global Automotive Executive Survey 2017 - KPMG
KPMG's 18th consecutive. Global. Automotive. Executive. Survey 2017. In every industry there is a 'next' –. See it soo

INSIGHT-The global infrastructure magazine - KPMG
Sep 11, 2011 - We hope this magazine provides new ideas to the market and brings governments ... 9 Up front: Urbanizatio

Comments on innovation box concept | KPMG | GLOBAL
Legislative update: Administration official comments on innovation box concept. Comments on innovation box concept. 11 M